IPTV e pirateria ai minimi termini: scoperti 2000 utenti, multati subito

In estate lo streaming IPTV è tornato una realtà nel campo televisivo. Complice anche la coincidenza con gli Europei di calcio, tante persone hanno scelto di attivare pacchetti di streaming illecito per guardare tutti i canali di Sky.

 

IPTV, rischi ancora maggiori per lo streaming illegale

Come noto, lo streaming illegale rappresenta una soluzione molto utile per chi desidera risparmiare sui costi mensili della pay tv. Non sempre però i risparmi postano a dei benefici. In alcune circostanze, l’IPTV è anche collegato ad una serie di rischi non di poco conto.

Le persone che scelgono questa tecnologia, ad esempio, si espongono ad una serie di truffe. Dato che lo streaming illegale viene proposto principalmente attraverso le chat di Telegram e di WhatsApp, non è raro imbattersi in malintenzionati della rete. Molti utenti, dopo aver pagato un piano IPTV, si ritrovano senza un vero e proprio servizio, con una perdita di credito che può arrivare sino a 100 euro.

Occhi anche alle conseguenze legali. In Italia le sanzioni sono state ancor più inasprite. ora i trasgressori rischiano una multa sino a 30mila euro o, in casi di recidiva, la reclusione sino a tre anni.

Il sistema dell’IPTV e dello streaming senza un ticket regolare di Sky e DAZN si lega anche ai canali VPN. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.