blankLa Silicon Valley come epicentro del mondo della tecnologia ha subito diversi colpi nelle ultime settimane. L’impatto della pandemia ha colpito nel segno. È stata il cuore pulsante del mondo tech e la sua impareggiabile capitale sin dagli anni ’30.

Un piccolo ma importante numero di società ha deciso di lasciare il nord della California e di aprire nuove sedi in Texas. Facebook, Apple e Google non stanno andando da nessuna parte, ma altre aziende ugualmente importanti anche se meno popolari stanno spostando tutte le sedi centrali. Oracle Corp, che l’anno scorso ha firmato un contratto di sponsorizzazione ventennale del valore di 180 milioni di dollari per nominare lo stadio di baseball dei San Francisco Giants Oracle Park, si sta spostando da Redwood City in California ad Austin, in Texas.

Hewlett Packard Enterprise, che ha una lunga e acclamata storia alla Silicon Valley, ha annunciato a sua volta che trasferirà la sua sede a Houston, in Texas. All’inizio di questo mese anche il fondatore di Tesla, Elon Musk, che vive a Los Angeles e fa il pendolare per raggiungere la sede e la fabbrica dell’azienda a Fremont, in California, ha annunciato di essersi trasferito personalmente ad Austin. “Se una squadra vince da troppo tempo in un posto tende a non vincere più il campionato. La California sta vincendo da troppo tempo”, ha dichiarato Musk. Tesla è l’ultima azienda automobilistica che produce ancora automobili in California. Lo stesso vale per SpaceX ormai aiuto chiave per la NASA.

L’inizio della fine per la Silicon Valley? Importanti imprenditori, tra cui Elon Musk, prediligono Austin in Texas

Rabois, ex dirigente di PayPal e LinkedIn, ha dichiarato di essere stanco delle tasse elevate, del costo medio della vita e di altri problemi della California. “Ci sono posti migliori in cui vivere”, ha confessato al Wall Street Journal. La California ha anche un’imposta statale sul reddito personale elevata, cosa che né la Florida né il Texas hanno. Un imprenditore come Musk, che ora è il secondo uomo più ricco del mondo con un patrimonio personale di 155 miliardi di dollari, potrebbe quindi aspettarsi di risparmiare ingenti somme di denaro in tasse dopo il suo trasferimento in Texas. La mancanza di un’imposta statale sul reddito darebbe in effetti ai dirigenti nella fascia d’aliquota più alta un aumento di stipendio del 13,3% se lasciano la California.

Molti si sono chiesti perché dovrebbero lottare in uno dei mercati immobiliari più costosi del Paese quando potrebbero permettersi molto di più in Texas. Il nuovo punto di approdo per le aziende tecnologiche è proprio Austin, in Texas, che ha già ottenuto il soprannome di Silicon Hills. A novembre, 39 aziende, nel settore tecnologico e in altri settori, si erano trasferite nell’area, già sede della società di computer Dell e del gigante di semiconduttori American Micro Devices. Secondo i dati Linkedin citati dal San Francisco Chronicle, la capitale del Texas ha guadagnato 217 lavoratori nel settore tech ogni 10.000, mentre la Bay Area ne ha persi 80 ogni 10.000. Tesla, ad esempio, dovrebbe creare 5.000 posti di lavoro.

Anche l’investitore Joe Lonsdale ha trasferito la sua società finanziaria 8VC ad Austin. La città ha ora recuperato il 97% dei posti di lavoro persi durante la pandemia. La disoccupazione è scesa al 4,6% da un picco del 12% nell’aprile 2020. Al contrario, San Francisco è rimasta indietro. Tuttavia, mentre alcune major tecnologiche si espandono ad Austin, altre aziende stanno investendo di più in California. Google prevede di investire 1 miliardo in proprietà immobiliari in California e Apple ha firmato un enorme contratto di locazione per espandersi a Sunnyvale.