cartelle esattoriali

Ritorna il famoso decreto Sostegni bis che dovrebbe dare un freno all’invio delle cartelle esattoriali da parte dell’Agenzia delle Entrate, stesso discorso fatto anche per i pignoramenti. Questo nuovo incentivo proposto dal Governo dovrebbe andare a modificare il decreto gia’ stabilito in precedenza, con data di scadenza fissata per il 30 giugno (e prorogata fino al 31 luglio 2021 per quanto riguarda i pagamenti).

La data e’ stata posticipata per l’ennesima volta dopo un esame attento della norma, considerando soprattutto il numero di affluenza delle persone che sta sfruttando questo incentivo. Novita’ invece per le persone che hano richiesto un piano di rateizzazione:la proroga sembra essere stata spostata fino a fine settembre per i pagamenti che sono stati suddivisi in 16 rate e successivamente sospese.

L’intervento interessato riguarda il decreto legge bis, n. 73/2021, che regola i seguenti fattori:

  • Pagamento cartelle, avvisi di addebito e accertamento;
  • Versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento;
  • Avvisi di addebitoe accertamento;

Quando devono essere effettuati i pagamenti

Per tutte le persone che hanno chiesto una proroga dei pagamenti interessati tra l’8 marzo 2020 al 30 giugno 2021, ricordiamo che la data massima per saldare i conti e’ stata fissata per il 31 luglio 2021 (o anche 2 agosto secondo quanto dichiarato dal DL 73/2021, l’ultima data disponibile cade di sabato).

Infine, in questo nuovo decreto legge e’ compreso anche lo scrutinio di nuove cartelle esattoriali (sospesa fino al 30 giugno 2021), atti di riscossione e procedure cautelari ed esecutive. La norma ricorda inoltre che non potranno essere iscritte o rese operative le stesse fino alla data in cui e’ stata segnalata la sospensione.