green-pass-covid-lockdown

La situazione legata alla variante Delta del coronavirus sta di fatto portando i governi a europei a tornare indietro. Si sta cercando di rimettere alcune limitazioni agli spostamenti senza però cercare al tempo stesso di rimettere in piedi forme di lockdown, anche se depotenziate rispetto alla prima. Lo strumento intorno a cui ruoterà tutto a questo giro sarà il Green Pass. Diversi paesi hanno iniziato ad allargarne l’utilità, come in Francia, e in Italia si vuole fare lo stesso, ma con caratteristiche diverse.

Per cominciare, al momento sta venendo bocciata categoricamente l’obbligo di usare il Green Pass per accedere a servizi come la ristorazione, bar o ristoranti che siano. Al contrario invece lo si vuole usare per i trasporti a lunga distanza nazionali. Finora si tratta di ipotesi, ma in tempi brevi probabilmente bisognerà discutete di azioni che andranno a interessare molti più aspetti della vita di un paese.

 

Il nuovo utilizzo del Green Pass

La variante delta si sta diffondendo troppo in fretta e dal Regno Unito stanno arrivando i primi numeri preoccupanti. Il numero di morti tra le persone vaccinate nell’ultimo periodo ha superato quello tra i non vaccinati. Rimangono valori che sono una frazione di quelli delle precedenti ondate, ma ci danno un’idea che ci sono molti scenari che si possono ancora concretizzare e alcuni sono preoccupanti. Il Green Pass avrà sempre più preso e le persone non potranno farne a meno quindi dovranno farsi vaccinare per non venire esclusi da tutto e tutti. L’alternativa è continuare a fare tamponi, ma non è ovviamente pratico e fattibile.