King of Spies: presto su Netflix la serie tv del fumettista Mark Millar

Il fumettista Mark Millar stavolta scende in campo con una nuova serie tv (graphic novel) denominata King of Spies, e in collaborazione con Netflix. Come rivela un comunicato: “l’artwork della graphic novel sarà basato su design creati dal squadra di Netflix”.

La sinossi della nuova serie TV originale Netflix recita: “In King of Spies, il più grande agente segreto della Gran Bretagna affronta il suo nemico più mortale: la sua stessa mortalità. Con una diagnosi di un tumore al cervello e sei mesi di vita, il pensionato Sir Roland King guarda il mondo che lo circonda, e sente di non poterci lasciare in un tale disastro. C’è avidità e corruzione a tutti i livelli, despoti intoccabili a cui è vietato avvicinarsi e un sistema in cui semplicemente non crede più. Vuole usare il tempo che gli rimane per fare la differenza con la sua particolare serie di abilità, e allo stesso tempo riparare ai danni che ha fatto nella sua vita privata. L’uomo più pericoloso del mondo è diventato un ladro e conosce i più confidenziali segreti. Ora è il momento di inseguire i VERI mostri…”.

King of Spies: le dichiarazioni di Mark Millar

Di seguito all’annuncio sono state rilasciate anche due immagini: la prima realizzata da Ozgur Yildirim (Loki) e la seconda da Mark Chiarello (Wolverine).

“Abbiamo lavorato tranquillamente sul progetto per un paio d’anni, in casa, e ne siamo tutti entusiasti”, ha affermato Millar“Il mondo delle spie è stato molto buono con noi, con Kingsman, e un ritorno al genere doveva essere qualcosa di speciale. Questo è proprio quel progetto.

Amo le storie di un vecchio pistolero tornato per un ultimo lavoro, e questo è il nonno di tutte quelle storie. È così incredibilmente violento ed emotivo, ma anche davvero divertente. Non vedo l’ora che la gente lo veda, e volevo condividere un paio delle immagini che abbiamo messo insieme per la parte fumettistica del progetto. Queste non sono dell’artista che abbiamo poi scelto per il libro, ma sono così belle che volevamo farvele vedere…Siamo davvero, davvero entusiasti di questo, e annunceremo il nome dell’artista di fumetti che abbiamo assunto un po’ più avanti”.