renault-cambio-rotta-saggio-puntare-sulle-ibride-non-auto-elettriche

Cambio rotta del Gruppo Renault in merito alle auto elettriche. La casa automobilistica francese pensa sia meglio puntare prima sulle auto ibride. Ecco quanto ha dichiarato Luca De Meo in merito a quella che, secondo Renault, sarà la scelta giusta per il periodo di transizione al full electric. Scopriamo insieme tutti i dettagli e cosa ha in mente per il futuro.

 

Renault farà le elettriche pop ma ora è meglio l’ibrido

Molti Paesi dell’Unione Europea hanno già deciso le date per il passaggio alle sole auto elettriche. Tuttavia pare che Renault, come diverse altre case automobilistiche, sia più prudente, ipotizzando uno scenario differente. Questo non cambia l’obbiettivo, anche perché altrimenti l’azienda non starebbe pensando a delle elettriche pop, ma lo ridimensiona sostenendo l’idea che per ora sia troppo presto.

A confermarlo è proprio il CEO della casa automobilistica francese Renault, che ai microfoni ha dichiarato: “Porsi obiettivi troppo alti in passato ci ha penalizzati, perché si rincorrono spesso con scelte sbagliate: strutture sovradimensionate, politiche commerciali eccessive. Per questo abbiamo puntato a un obiettivo realistico. Basandoci sulle previsioni più conservative sul mercato. Quelle che indicano che le vendite del 2019 torneranno solamente nel 2025. E a quelle ci adeguiamo“.

 

Ecco la soluzione migliore

Qual è quindi l’idea di Renault per il periodo di transizione nella migrazione dai motori termici a quelli full electric? È sempre De Meo ha dircelo: “Dobbiamo salvare la tecnologia ibrida, l’unica in grado di garantire un’alternativa per chi non potrà avere accesso alle auto elettriche ancora a lungo“.

Altrimenti, uno scenario differente creerebbe non poche difficoltà. Infatti, secondo De Meo, portavoce di Renault: “Se dal 2035 venissero proibiti i motori a combustione potrebbero presentarsi due scenari: si aboliscono tout court, oppure si ammettono, ma solamente in versione full o plug-in hybrid. Noi crediamo che queste tecnologie siano da salvare, perché non sappiamo se per allora il costo delle auto elettriche sarà sceso a sufficienza da renderle accessibili a tutti. Senza contare che se la fine dei motori termici venisse annunciata creerebbe già ora una distorsione del mercato, con un impatto immediato sulla domanda“.

In conclusione, secondo Renault sarebbe necessario creare un cuscinetto tra le auto diesel e benzina e quelle elettriche. I protagonisti quindi dovrebbero essere i veicoli ibridi. Questo permetterebbe anche la realizzazione di strutture, come le colonnine di ricarica in autostrada, ad esempio, necessarie ad un passaggio consapevole e non sofferto.

FONTEQuattro Ruote