wifi-ecco-come-navigare-gratis-in-tutta-italia

WiFi gratis? Già da tempo è possibile navigare con il proprio smartphone in modo completamente gratuito da Trieste in giù! Si tratta di un’iniziativa promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico e sviluppata da Infratel Italia con TIM. Ecco come fare ad avere una connessione completamente gratuita in tutta Italia grazie a Piazza WiFi Italia.

 

WiFi: ecco il progetto che regala a tutti la connessione gratuita

Piazza WiFi Italia è l’unico progetto che in Italia regala una connessione WiFi gratuita. Caratterizzato da HotSpot disseminati su quasi tutto il territorio nazionale, permette a chiunque di navigare gratis con il propio smartphone.

Ovviamente la disponibilità del servizio dipende dall’adesione o no del Comune in cui ci si trova. Per scoprirlo basta collegarsi sul sito ufficiale di WiFi Italia sezione Il Network. Qui è possibile consultare una mappa interattiva dove si trovano indicati i punti in cui sono installati gli HotSpot e la loro copertura.

Oppure, molto più semplicemente, scaricando l’app ufficiale wifi.italia.it. L’applicazione ufficiale di WiFi Italia è disponibile sia per i dispositivi Android che per quelli iOS. Una volta installata, basta collegarsi registrando il proprio account. Al resto ci penserà lei agganciando automaticamente l’utente al primo HotSpot gratuito disponibile.

 

Non solo Comuni

Non sono solo i Comuni a rendere disponibile il servizio di una connessione gratuita. Al progetto WiFi Italia sono incluse anche le strutture sanitarie per cui già molti ospedali hanno installato questi HotSpot gratuiti. Ecco quanto indicato sul sito ufficiale:

“Sono ad oggi 3636 i comuni e gli ospedali con hotspot installati, con priorità ai 138 Comuni colpiti dal sisma del 2016 in Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria, ai piccoli Comuni con popolazione inferiore ai 2.000 abitanti e progressivamente tutti i Comuni italiani. Tutte le attività si svolgono d’intesa con le amministrazioni locali.

La realizzazione delle nuove aree WiFi gratuite è resa possibile dai 45 milioni di euro di finanziamento del Ministero, che amplia la disponibilità degli 8 milioni iniziali”.

FONTEWiFi Italia