generazione 56kGenerazione 56k è la nuova serie Netflix uscita a luglio a cui hanno preso parte anche i The Jakal, il gruppo di youtuber campani diventati famosi per i loro sketch comici. Pare una moda sempre più dominante quella di coinvolgere personaggi celebri del mondo di internet in nuove produzioni per il piccolo schermo; i risultati però non sono sempre stati all’altezza delle aspettative.

Generazione 56K però, se da una parte cerca di sfruttare la fanbase del gruppo, dall’altro mette in campo un comparto tecnico e artistico davvero di ottima qualità; soprattutto concede i giusti spazi a dei personaggi che, sebbene avvezzi alla macchina da presa, non sono, quantomeno non tutti, in possesso di spiccate doti attoriali. La serie nel suo complesso è un ottimo prodotto; palesemente indirizzati ai figli degli anni novanta, una commedia dell’equivoco semplice nella struttura ma curata nella realizzazione.

Generazione 56K: la nuova serie italiana targata Netflix

 

La storia di Generazione 56K si svolge su due diversi binari; il primo, ambientato nel presente, racconta la storia di Daniel e Matilda, compagni di classe alle medie che per uno scherzo del destino si rincontrano dopo anni; basterà una notte per far capire ad entrambi che quell’incontro gli stravolgerà la vita.

Parallelamente, l’altro binario, racconta invece di come questo amore sia in realtà nato proprio tra i banchi di classe delle medie; alternando la narrazione tra passato e presente la serie Netflix riesce a raccontare sia la nascita della relazione tra i due che il mondo dei trentenni di oggi, figli di mezzo tra i boomers e la generazione z.