WhatsApp e il ritorno a pagamento estivo, utenti inferociti

Non bisognerebbe mai pensare al peggio in alcuni casi per quanto riguarda il mondo del web, il quale dovrebbe essere solo una risorsa. Purtroppo però ci sono alcune persone che pensano bene di mettere a rischio gli altri utenti pur di trarne un guadagno.

Da diverso tempo infatti il mondo di Internet funziona in questo modo, con la truffa che è sempre dietro l’angolo. Al contempo anche un altro fenomeno si sta prendendo le pagine più importanti del mondo del web, portando notizie sbagliate e false credenze. Si tratta delle fake news, quelle che purtroppo girano in maggioranza attraverso le applicazioni di messaggistica istantanea come WhatsApp. Sia chiaro: la colpa non è di certo di WhatsApp, visto che non si può di certo bloccare la scrittura a qualsiasi utente, ma in questo caso il buon senso viene ancora una volta meno. Secondo quanto riportato infatti un nuovo messaggio si sarebbe diffuso in questi giorni portando gli utenti di WhatsApp alla inquietudine vera e propria.

 

WhatsApp: gli utenti possono avere problemi con il ritorno a pagamento ma è una fake news

Sono tanti gli utenti che hanno paura che quanto descritto dal nuovo messaggio possa diventare realtà. In realtà si tratta di una paura relativa dal momento che il ritorno a pagamento di WhatsApp costerebbe solo 0,89 euro all’anno.

Allo stesso tempo c’è da chiarire una cosa: si tratta solo di una fake news dal momento che l’applicazione non vuole saperne di ripristinare questa antica usanza. Secondo quanto riportato infatti il messaggio avrebbe fatto il giro delle chat in pochi giorni, diffondendo però il falso.