Fisco

Una buona notizia è arrivata per tutti gli italiani che sono in credito con il Fisco. Almeno per tutta l’estate, infatti, è previsto il blocco all’invio delle cartelle esattoriali e dei pagamenti arretrati. In linea con il proseguo dello stato di emergenza per la pandemia, l’Agenzia delle Entrate bloccherà ancora l’invio delle tasse.

 

Fisco, niente cartelle esattoriali per l’estate

Con Decreto emesso dal Governo il 30 Giugno è stata sancita un’ulteriore proroga dei tempi. La scadenza per il blocco dei pagamenti, prevista proprio per il 30 Giugno, è ora slittata al 31 Agosto. In assenza di ulteriori provvedimenti a modifica, a partire dal 1 Settembre potrebbero ripartire le notifiche del Fisco.

Ancora una volta la scelta di blocco ai pagamenti del Governo si allinea alla grave situazione economica legata all’emergenza pandemica. Come nelle precedenti occasioni, inoltre, questo provvedimento riguarda sia le Partite IVA che i cittadini privati.

I dati che sono nelle stanze dell’Agenzia delle Entrate restano sempre molto alti. In base alle ultime rilevazioni, il Fisco ha pronte 50 milioni di cartelle esattoriali che saranno a questo punto inviate a partire dal mese di Settembre. In termini assoluti, potrebbero essere più di 9 milioni i cittadini a ricevere un avviso di pagamento da parte dell’Erario entro la fine dell’anno.

Il piano di invio delle notifiche e delle tasse resta comunque già pronto in vista dello sblocco. Il Fisco, come previsto, si avvarrà del supporto strategico di Poste Italiane per completare la spedizione di quest’ingente mole di cartelle esattoriali. Obiettivo è finire le operazioni entro Dicembre.