whatsapp-ecco-come-app-di-zuckerberg-supporta-fino-a-4-dispositivi

Una fantastica novità è in arrivo su WhatsApp. Da quanto promesso agli amici di WABetaInfo dovrebbe essere pronta entro la fine dell’estate. Ecco come l’app di Zuckerberg supporterà fino a 4 dispositivi contemporaneamente. Non ci credete? Scopriamolo insieme!

 

WhatsApp e il supporto multi-dispositivo

Pensiamo sia la novità dell’anno quella che Mark Zuckerberg e Will Cathcart, CEO di WhatsApp, hanno annunciato in esclusiva a inizio mese agli amici di WABetaInfo. In occasione di una chat di gruppo voluta proprio dal fondatore di Facebook è stato rivelato il supporto multi-dispositivo all’app di messaggistica istantanea più diffusa al mondo.

La promessa di Zuckerberg per WhatsApp è al dir poco eccezionale. Si tratta infatti di una funzione attesissima dal pubblico. Una di quelle opportunità che sembravano ormai solo un sogno. In realtà sarà possibile, a breve, sincronizzare le chat di un account con 4 dispositivi contemporaneamente.

In altre parole tutti i contenuti che un account WhatsApp ha ricevuto e condiviso sull’app, saranno disponibili in tempo reale su più dispositivi. Come già detto, il supporto è limitato a 4 device, ma va più che bene, tenendo conto che comprenderebbero ipoteticamente due smartphone, un tablet e un PC.

Insomma una novità davvero interessante che però ha in serbo una brutta sorpresa. Cerchiamo di capire insieme di cosa si tratta.

 

Il supporto multi-dispositivo nasconde una brutta sorpresa

In un suo articolo, WABetaInfo ha specificato la natura della nuova funzionalità multi-dispositivo in arrivo per WhatsApp. Un’indicazione che non ha di certo reso felici gli utenti non sono iscritti al programma Beta Tester. Ecco cosa viene esplicitato:

Il [supporto] multi-dispositivo verrà rilasciato come funzionalità beta per le persone che vorranno provarlo e inizialmente sarà opzionale“. È chiara quindi l’intenzione di limitare inizialmente l’aggiornamento alla versione prova di WhatsApp, restringendo così il campo. In questo modo il reparto sviluppo del Gruppo Facebook potrà concentrarsi su eventuali criticità e migliorie.

Restiamo quindi in attesa di questa nuova funzionalità sperando che possa arrivare a breve sui dispositivi di tutti, grazie a un aggiornamento ufficiale dell’app.