IPTV: multa per 2000 persone in Italia, la Guardia di Finanza indaga

Sono davvero tanti gli sforzi che le forze dell’ordine stanno mettendo in campo per distruggere il fenomeno della pirateria, il quale da anni avrebbe ripreso il sopravvento in Italia. Grazie alle piattaforme IPTV gli utenti infatti riuscirebbero ad avere tutti i canali a pagamento quasi gratis, se rapportati i prezzi di vendita.

Una piattaforma pirata infatti mette tutto a disposizione per circa 10 € mensili, un costo che definire irrisorio sarebbe dir poco si paragonato agli abbonamenti offerti dei licenziatari ufficiali. La Guardia di Finanza sta indagando da tempo, ottenendo grandi risultati. Sono state scoperte negli scorsi mesi diverse piattaforme e ora ne sarebbero state individuate delle altre.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: la Guardia di Finanza multa 2000 utenti e inguaia 22 venditori del servizio

La Guardia di Finanza con un’operazione congiunta è stata in grado di sgominare due piattaforme tra Sicilia e Svizzera. Queste, con a capo ben 22 gestori che vendevano anche il servizio, da ormai qualche settimana non sono più disponibili. Al loro interno c’erano 2000 utenti che saranno tutti multati con sanzioni superiori ai 1000 €. Allo stesso tempo alle 22 persone che vendevano il servizio riceveranno invece una sanzione da 2000 a 25.000 €.