Netflix: Steven Spielberg passa allo streaming e impone le sue opere sulla piattaforma

Il tempo passa, la mente cambia, e con questa anche il modo di vedere il mondo. Ne è la prova Steven Spielberg, il quale, sebbene nel 2017 accusava Netflix e Amazon dichiarando: È un problema importantissimo che mi preoccupa molto. Per me il cinema è cinema e la televisione è la televisione”, oggi ha un parere del tutto diverso.

Insomma, quattro anni dopo, il grande regista cede allo streaming ed è pronto ad esibire i suoi film su Netflix. Spielberg ha addirittura firmato un accordo con la sua casa di produzione Amblin Partners per realizzare più opere durante l’anno destinate alla piattaforma rossa. Non è ancora chiaro se verranno pubblicati anche film diretti dallo stesso.

Netflix: le parole di Steven Spielberg sulla collaborazione

Il regista, in merito all’accordo, rivelato dal Wall Street Journal, ha spiegato: “In Amblin, lo storytelling sarà per sempre al centro di tutto ciò che facciamo, e dal momento in cui Ted e io abbiamo iniziato a discutere di una partnership, è stato abbondantemente chiaro che avevamo un’incredibile opportunità di raccontare nuove storie insieme e raggiungere il pubblico in nuovi modi”. Ted è Sarandos, capo dei contenuti Netflix, il quale ha specificato: “Steven è un visionario creativo e un leader e, come tanti altri in tutto il mondo, la mia crescita è stata plasmata dai suoi personaggi memorabili e dalle sue storie che sono state durature e ispiratrici”.

Sento che le persone hanno bisogno di avere l’opportunità di lasciare il sicuro e familiare della loro vita e andare in un posto dove possono sedersi in compagnia di altri e avere un’esperienza condivisa – piangere insieme, ridere insieme, avere paura insieme – in modo che quando sarà finita possano sentirsi un po’ meno estranei“, diceva il regista. Egli ha poi aggiunto: “Voglio vedere la sopravvivenza delle sale cinematografiche. Voglio che l’esperienza teatrale rimanga rilevante nella nostra cultura”.