dvbt2Il passaggio al DVBT2 è previsto inizi il primo settembre del 2021, ma non tutti sembrano essere d’accordo. Il nuovo protocollo DVBT2 sarà la tecnologia con cui verrà trasmesso il segnale del digitale terreste, almeno questi sono i propositi. Il passaggio alla nuova tecnologia infatti dovrebbe migliorare la fruizione degli utenti che, ad oggi, lamentano, in molte zone dell’Italia, uno servizio, e un segnale, piuttosto scarso.

Tuttavia sembra che non tutti siano pronti all’inizio dei lavori; con una lettera indirizzata al Ministero dello Sviluppo Economico infatti Confindustria chiede un rinvio. Dietro la richiesta sembrerebbe esserci i problemi legati alla pandemia che in molti casi hanno causato ritardi nella programmazione. Tuttavia la richiesta di rimuovere l’obbligo del passaggio al nuovo codec MPEG-4 atto storcere più di qualche naso.

DVBT2: una volta completato il passaggio la TV arriverà sullo smartphone

 

Il passaggio al DVBT2 però porta con se non pochi vantaggi per i consumatori. Oltre alla risoluzione dei numerosi problemi di segnale infatti la nuova tecnologia offrirebbe anche un’impotente possibilità. Grazie al DVBT2 infatti sarà possibile guardare la Televisione pubblica direttamente sullo smartphone senza alcun consumo di Giga.

Affinché questa possibilità si concretizzi però gli utenti interessati dovranno munirsi di una speciale chiavetta che permetta la sintonizzazione con il segnale; il costo di questo apparecchio si aggira intorno ai trenta euro, ma il risparmio in termini di consumi non è da sottovalutare. Tuttavia prima di poter godere di questa possibilità è necessario che, quantomeno, inizi il processo di transizione, ad oggi però, dopo la richiesta di Confindustria, non si hanno certezze.