100-lire-minerva-1955-moneta-rara-da-collezione

Nel mondo della numismatica c’è sempre qualcosa da imparare. Ciò che potrebbe sembrare ferro vecchio, al contrario si rivela in futuro una gallina dalle uova d’oro. Quindi se in tutti questi anni avete conservato delle vecchie monete in Lire avete fatto centro. Non importa il motivo, per ricordo, affetto o quant’altro. Questa da 100 Lire vi farà letteralmente impazzire per il suo valore attuale, incredibile se confrontato con quello nominale di un tempo. Ad oggi si stanno rivelando uno dei migliori investimenti per il futuro. Ecco tutti i dettagli e il suo valore.

 

Le 100 Lire Minerva del 1955: investire con le monete da collezione

Investire con le monete da collezione può essere il modo più sicuro per assicurarsi un bel gruzzoletto in futuro. Si tratta di pezzi di storia che tutti potremmo avere conservati, senza nemmeno saperlo, in qualche vecchio portafogli, in un salvadanaio o nei cassetti di casa. Se tra questi possediamo una 100 Lire allora dobbiamo per forza verificare se si tratta di quella di cui vi parleremo tra poco. Il suo valore oggi potrebbe raggiungere i 1.000 euro e, con i tempi che corrono, non sarebbero davvero niente male.

Si tratta della 100 Lire Minerva coniata nel 1955. L’anno è importantissimo perché, tra le monete di questo taglio e tipologia, è quella che vale più di tutte. Molti si staranno chiedendo perché.

All’effettivo la 100 Lire Minerva del 1955 fu la prima moneta coniata di questo tipo. Ne sono stati messi in circolazione 8.600.000 esemplari. Al suo rovescio troviamo la famosa raffigurazione della dea Minerva, da cui ha preso poi il nome, e il relativo valore nominale. Sul dritto invece è rappresentata una testa d’Italia con una corona di alloro e il volto rivolto verso sinistra. Pochi sanno che questa raffigurazione è un richiamo alle monete di Siracusa del IV secolo a.C., molto antiche.

100-lire-minerva-1955

Le 100 Lire Minerva del 1955 oggi possono raggiungere un valore di mercato pari a circa 700 euro che potrebbe salire a 1.000 euro. Ovviamente, come sempre precisiamo, lo stato di conservazione, per raggiungere tale quotazione, deve essere in Fior di Conio. In pratica come fosse uscita dalla produzione. Altrimenti, se si tratta di uno stato di conservazione Splendido, il valore può scendere fino a 75 euro.

Esistono tantissime monete da collezione in grado di sorprendere chiunque per bellezza e quotazione. Un modo, il più antico, per investire nel futuro facendo fruttare il passato.

FONTEMoneteRare.net