blankAmazon ha rivelato un’enorme quantità di recensioni false con scopo di lucro, compromettendo la reale percezione dei clienti su un prodotto. L’azienda ha invitato più volte a smettere.

Le recensioni rivelate sono talmente tante e in continuo aumento che l’azienda non è più in grado di ridimensionare questo fenomeno. Solo i malintenzionati autori di queste recensioni possono rimuoverle efficacemente. I social media a loro volta non stanno facendo abbastanza per fermare i post che incoraggiano gli utenti a scrivere recensioni fraudolente. Inoltre, non li eliminano abbastanza rapidamente se pubblicizzati sulle rispettive piattaforme.

Le recensioni false e fuorvianti sulle pagine dei prodotti Amazon sono state a lungo un problema per l’azienda, con diversi rapporti sul problema da parte dei consumatori negli ultimi anni. Ci sono state anche svariate indagini per far luce sull’origine del fenomeno e le possibili risoluzioni. Amazon ha dichiarato di aver bloccato più di 200 milioni di recensioni sospette, quasi tutte rilevate da una tecnologia di rilevamento automatica.

Amazon: recensioni false senza sosta, l’azienda chiede aiuto ai social media

Sebbene Amazon non citi alcuna società in modo specifico, Facebook è stato in precedenza al centro dell’attenzione dell’Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA). Ad aprile, Facebook ha rimosso più di 16.000 gruppi che commercializzavano recensioni falsate. Amazon ha dichiarato in un post sul suo blog: “Apprezziamo che alcune società di social media siano diventate molto più veloci nel rispondere. Per affrontare questo problema su larga scala è imperativo che investano adeguatamente in controlli proattivi”.

“Le nostre indagini hanno dimostrato che Amazon sta lottando per arginare la marea di recensioni false e fuorvianti di fronte ad un crescente numero di recensioni false orientate a ingannare i consumatori”, afferma Rocio Concha. “Le piattaforme online devono fare di più per prevenire in modo proattivo le recensioni non veritiere che si infiltrano nei loro siti. Ciò include Amazon che collabora con altre aziende tecnologiche come Google e Facebook, dove prosperano società e gruppi che diffondono queste recensioni”.