whatsapp-se-ti-hanno-bloccato-ecco-il-trucco-per-scrivergli-lo-stesso

A volte capita che qualche nostro contatto decida di bloccarci su WhatsApp. Magari non abbiamo nemmeno avuto la possibilità di capire il perché. Se anche a te è successo, ecco il trucco per scrivergli lo stesso. Sembrerà strano, ma è davvero possibile. Nessuno più potrà decidere di non comunicare con noi. Ecco però gli elementi necessari affinché sia possibile.

 

WhatsApp: ecco il trucco per inviare un messaggio anche se ci hanno bloccato

Spesso, quando si accendono dispute o avvengono incomprensioni tra parenti o amici, la prima cosa che si fa è bloccare il contatto su WhatsApp. A tutti, almeno una volta, è capitato di esserne vittima. Magari senza nemmeno volerlo abbiamo detto o fatto qualcosa che ha ferito qualcuno.

Tuttavia se, dopo quel gesto impulsivo, ci hanno bloccato su WhatsApp, non abbiamo nemmeno avuto modo di chiarire o di spiegarci. Ora però, con questo trucco, potrete rimediare o almeno, inviare l’ultimo messaggio o l’ultima nota vocale.

 

Come fare

Gli elementi per chiarire una situazione spinosa con qualcuno che ti ha bloccato sono: WhatsApp e un amico in comune. Molti si chiederanno il perché. È subito spiegato.

L’amico in comune dovrà creare un gruppo su WhatsApp dove inserirà te e il contatto che ti ha bloccato. L’app infatti non riconosce nelle chat di gruppo se qualche utente ha inserito nella lista “nera” uno o più partecipanti.

Se si presterà a ciò, quel tuo amico, ti avrà servito su un piatto di argento la possibilità di chiarirti. Ovviamente sarà sempre a discrezione del tuo nuovo “nemico” decidere se ascoltare la nota vocale o il messaggio che hai inviato sul gruppo WhatsApp.

Preparati, perché potrebbe anche decidere di abbandonare immediatamente il gruppo non appena riconosce il tuo numero o gli compare nome e cognome che hai inserito nell’account.

Per ovviare questo problema potresti realizzare un nuovo account WhatsApp senza numero. In questo caso potrai tranquillamente scrivere a quel contatto senza nemmeno il bisogno di intermediari.

Un consiglio: attenzione a non insistere, potresti peggiorare la situazione.

FONTEEsquire