bollo-auto-esenzione-chi-non-lo-deve-pagare

Si tratta della tassa più odiata dagli italiani e molti faticano a pagarla, soprattutto le famiglie più in difficoltà: è il bollo auto. Ogni giorno c’è chi cerca il modo per non pagarla, o comunque spera di poter beneficiare di qualche agevolazione. Da quando poi è scoppiata la pandemia da Covid-19 molti si aspettano che questa imposta venga proprio cancellata. Vediamo insieme chi è così fortunato da potergli dire addio. Diverse categorie sono esenti dalla tassa automobilistica. Ecco tutti i dettagli con gli ultimi aggiornamenti sul bollo auto 2021.

 

Bollo auto esenzione 2021: ecco chi non lo deve pagare

Nonostante il bollo auto sia una di quelle tasse lasciate in mano alle Regioni, che possono agire in totale autonomia, esistono delle categorie, a livello nazionale, che non lo devono pagare.

Vediamo quindi chi fa parte dell’esenzione 2021 e che può davvero dire addio a questa imposta poco amata.

  • Auto elettriche. I primi che vi vogliamo menzionare sono proprio coloro che hanno acquistato e che quindi possiedono un veicolo elettrico. L’esenzione per almeno 2 anni è comune a tutte le Regioni. Poi ce ne sono alcune che ne concedono di più. Per scoprire quanti anni potrete non pagare il bollo auto vi consigliamo di consultare il sito della vostra Regione di residenza.
  • Auto ultraventennali. La seconda categoria che beneficia di un’agevolazione sul bollo auto è quella di coloro che possiedono un veicolo che è stato immatricolato tra i 20 e 29 anni fa. Il valore da pagare per questi sarà dimezzato.
  • Auto d’epoca. Rispetto ai precedenti, coloro che possiedono un veicolo d’epoca, ovvero immatricolato da almeno 30 anni, potranno non pagare il bollo auto. Ciò nonostante dovranno versare la tassa di circolazione che prevede il pagamento di circa 30 euro a seconda della Regione di appartenenza.
  • Legge 104. Chi ne ha fatto domanda con accoglimento non dovrà più pagare il bollo auto per sempre. Si tratta di persone con gravi problemi di salute legati a deambulazioni, problemi gravi di vista o di udito, disabilità psichiche e mentali. Ad ogni modo l’esenzione per questa categoria è prevista solo per veicoli con cilindrata inferiore a 2.000 cc, per i motori benzina, e 2.800 cc, per quelli diesel. Si parla invece di 150 Kw per l’elettrico.

Intanto si attende il nuovo Decreto Legge sul Bollo Auto che dovrebbe eliminare il Superbollo e permettere una detrazione fiscale totale ai contribuenti i cui mezzi sono intestati all’azienda.

FONTEil Giornale