WhatsApp
Le novità di WhatsApp in questo primo semestre dell’anno sicuramente non sono mancate. La chat di messaggistica, tra i tanti aggiornamenti, ha promesso passi in avanti a tutto il suo pubblico per quanto concerne le politiche di sicurezza privacy. L’obiettivo resta quello di mettere nell’angolo tutti i malintenzionati ed i cybercriminali che si muovono tra le varie conversazioni.

WhatsApp, stop a spam, catene e fake news con le nuove regole

Una delle sfide più importanti di WhatsApp nell’ultimo periodo è stata quella contro le fake news. Con l’esplosione della pandemia e del Covid, proprio attraverso le conversazioni private sono divenute virali una serie di informazioni fasulle sul virus.

Il problema è ancora strettamente attuale in Italia, così come nel mondo considerata la campagna vaccinale in corso. Per evitare cattive sorprese agli utenti e soprattutto per garantire il massimo della trasparenza e della sicurezza al pubblico, WhatsApp ha deciso di utilizzare il pugno duro contro tutti i trasgressori. Chi condivide con intenzionalità fake news e notizie non vere sul Covid o sui vaccini rischia il ban definitivo dal servizio.

La battaglia di WhatsApp, in questo caso, è caratterizzata dal determinato periodo storico, ma proseguirà anche ad emergenza Covid archiviata. In linea generale, gli sviluppatori vogliono contrastare l’invio dei messaggi spam sulle chat di gruppo o attraverso le oramai famose catene.

Per realizzare una simile priorità, l’impegno degli sviluppatori coincide con l’eliminare quanti più profili di malintenzionati della rete. Cancellare queste dinamiche sarà necessario per garantire al pubblico anche maggiori garanzie per la sicurezza e per la privacy online.