Una delle piaghe informatiche maggiormente diffuse al mondo sono senza alcun dubbio i malware, nel dettaglio i più diffusi al mondo sono i ransomware, una tipologia di virus molto particolare che palesa delle azioni dannose uniche nel suo genere, per intenderci basta già analizzare il nome alla base, abbiamo infatti ransom che tradotto dall’inglese letterale vuol dire ostaggio.

I ransomware effettivamente sono un tipo di malware pensati per prendere in ostaggio i file presenti all’interno di un PC per poi richiedere un riscatto per riaverli indietro, la metodologia usata è la criptografia dei file (gli ostaggi) e le vittime preferite sono le grandi aziende, che ovviamente possono desiderare fortemente di riavere indietro i file che altrimenti sarebbero perduti per sempre.

 

Come agiscono

I ransomware sostanzialmente, dopo essere penetrati in un PC attraverso una falla di sicurezza, un link malevolo o una mail, iniziano a criptare i file presenti nel sistema, visualizzando un messaggio a schermo dove di norma è presente un messaggio che avvisa della criptazione dei file e con la richiesta di un riscatto da versare in bitcoins presso un indirizzo di un wallet, in modo da sfruttare il totale anonimato legato ai bitcoins.

Inutile stare a dire che il consiglio è quello di non pagare assolutamente, dal momento che spesso capita che nonostante il pagamento del riscatto, la chiave di decriptazione non venga comunque inviata con perdita di tutti i dati sul vostro PC e ovviamente di denaro.

Il miglior modo di evitare questo tipo di infezioni è quello di fare attenzione durante la navigazione e avere il proprio antivirus aggiornato costantemente.