mission-impossible-7-covid-19

Nonostante l’alto livello di vaccinazione nel Regno Unito, il Covid-19 ha costretto l’interruzione delle riprese del prossimo film della serie con protagonista Tom Cruise. Mission: Impossibile 7 è stato momentaneamente bloccato a causa del fatto che nella produzione è stato segnalato un positivo al SARS-CoV-2. Un portavoce ha detto che riprenderanno solamente il 14 giugno, praticamente due settimane dopo il test.

La dichiarazione ufficiale: “Abbiamo temporaneamente interrotto la produzione di Mission: Impossible 7 fino al 14 giugno, a causa di risultati positivi ai test del coronavirus durante i test di routine. Stiamo seguendo tutti i protocolli di sicurezza e continueremo a monitorare la situazione”. Si allunga quindi il tempo di lavoro di questo film che ha visto il primo blocco già l’anno scorso a febbraio.

 

Mission: impossibile 7: il Covid-19 blocca di nuovo la produzione

Era diventato virale l’anno scorso l’audio di Tom Cruise, la stella indiscussa della serie Mission: Impossible, dove sbraitava contro tutti membri della produzione. Pretendeva, giustamente, che tutte le linee guida venissero rispettate anche perché loro erano fortunati a poter lavorare mentre molti altri erano nella condizione di non poter fare niente.

Proprio l’anno scorso, in un momento di pausa dalle riprese, due membri dell’equipaggio si erano avvicinati l’uno con l’altro e Cruise gli ha urlato contro minacciandoli. Se fosse successo un’altra volta sarebbero stati licenziati in tronco e probabilmente ci sarebbe riuscito senza troppi problemi. Detto questo, Mission: Impossible 7 si farà e sicuramente arriverà nel momento giusto per essere trasmesso senza problemi nelle sale affollate di molti paesi ora che le campagne vaccinali sanno andando a gonfie vele.