contatori modificatiSi sta diffondendo sempre di più la pratica dei contatori modificati; grazie a diverse tecniche infatti è possibile manomettere le misurazioni e ridurre drasticamente la spesa delle bollette. Ovviamente stiamo parlando di una pratica illegale che, se scoperta, può portare parecchi guai ai furbetti di turno. Ad oggi una delle tecniche più utilizzate è quella del magnete; una tecnica molto semplice ma molto efficace.

Per attuarla infatti basta poggiare un magnete sul contatore, in questo modo il conteggio dei consumi verrà alterato, riducendolo, se non azzerandolo, in modo considerevole. Bisogna tenere però in considerazioni diversi fattori; il primo, e più importante, consiste nel fatto che ormai i contatori sono dotati di particolari sensori che permettono di scoprire la manomissione.

Contatori modificati: il rischio di essere scoperti e molto alto

 

Questi sensori possono segnalare immediatamente, al fornitore di energia elettrica, attraverso una semplice notifica, l’eventuale manomissione. Come già detto questa pratica risulta completamente illegale e le forze dell’ordine sono molto attente a tal proposito. Le pene poi, nel caso in cui si venisse scoperti, risultano piuttosto pesanti.

Nel caso venisse accertata la violazione le pena variano da un minimo di reclusione di sei mesi fino ad un massimo di tre anni a cui va aggiunta una multa tra i 103 e i 1’032 euro. Come se non bastasse poi il fornitore di energia elettrica può richiedere il risarcimento di tutto il periodo in cui il contatore ha subito la modifica. In questi casi poi, neanche accettare il pagamento della parte mancate potrebbe giovare in quanto, agli occhi del giudice, risulterebbe come un’ammissione di colpa.