L’ormai arcinoto Green Pass Europeo sta per essere definitivamente attivato. Il Certificato Verde (questo il nome con cui è stato conosciuto dagli italiani, ma che ora diverrà a tutti gli effetti Green Pass), sarà implementato nelle prossime settimane per consentire ai cittadini dell’Unione Europea di muoversi liberamente all’interno dei Paesi UE.

Questo significa di fatto dire addio a quarantene obbligatorie, autoisolamenti e altre norme che andavano a limitare temporaneamente la libertà di movimento una volta arrivati a destinazione.

Il Green Pass verrà abilitato dal prossimo 1º luglio, come annunciato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi durante l’ultima conferenza sul tema. L’UE è pronta a implementare la funzionalità in ogni Stato membro, e nel nostro Paese sarà inserita all’interno dell’app IO, già nota ai cittadini per diverse funzioni, tra cui il Bonus Vacanze e il Cashback di Stato.

 

Green Pass: in cosa consiste e come ottenerlo

Il Green Pass permette di certificare che il cittadino in questione non sia vettore di contagio da Covid-19.

Come? Semplicemente attestando una tra le seguenti possibilità:

  • Il cittadino ha ricevuto la somministrazione del vaccino o dell’intero ciclo vaccinale (per i vaccini in due dosi). In questo caso il certificato ha durata di sei mesi dalla vaccinazione o dal termine del ciclo vaccinale.
  • Il cittadino è guarito a seguito di infezione da Covid, ed eventualmente ha ricevuto la somministrazione delle dosi di vaccino (per rafforzare la risposta immunitaria). Anche in questo caso il certificato ha durata di sei mesi dal momento dell’effettiva guarigione.
  • Il cittadino ha effettuato un test molecolare o test rapido negativo entro le 48 ore precedenti alla partenza o all’evento (in caso di concerti e matrimoni, ad esempio).

La funzionalità dovrebbe comparire automaticamente nell’app, senza che i cittadini debbano fare particolari operazioni.