iphone-13-nuova-serie-display-120-hz-samsung-lg

Samsung e LG hanno avviato la produzione di pannelli OLED per la serie iPhone 13 di quest’anno, secondo quanto riportato dall’agenzia sudcoreana The Elec. Come lo scorso anno, si dice anche che la lineup del 2021 includerà quattro modelli: iPhone 13 mini da 5,4 pollici, iPhone 13 da 6,1 pollici, iPhone 13 Pro da 6,1 pollici e iPhone 13 Pro Max da 6,7 ​​pollici.

Si ritiene che Samsung stia producendo pannelli OLED a film sottile (TFT) in ossido policristallino a bassa temperatura (LTPO) con supporto a 120Hz per iPhone 13 Pro e iPhone 13 Pro Max.

iPhone 13: gli smartphone verranno rilasciati a settembre

Sembra che, inizialmente, Apple stesse pianificando un’elevata frequenza di aggiornamento per la serie iPhone 12, ma ha deciso di non farlo perché a quanto pare pensava che uno schermo a 120Hz in aggiunta alla connettività 5G sarebbe stato un consumo troppo grande per la durata della batteria. Con le unità LTPO, questo non sarà un problema.

Samsung utilizza i pannelli LTPO dal Galaxy Note 20 Ultra dello scorso anno. La serie Galaxy S21 presenta una versione più efficiente della tecnologia. LTPO consente a uno schermo di cambiare dinamicamente la sua frequenza di aggiornamento in base al contenuto visualizzato e questo aiuta a ottimizzare il consumo energetico. Infatti, secondo un rapporto, il pannello OLED dell’iPhone 13 Pro sarà fino al 20% più efficiente dal punto di vista energetico rispetto al modello attuale.

Apple è pronta ad abbracciare la nuova tecnologia dei display

A quanto pare, anche LG sta lavorando su pannelli OLED TFT in silicio policristallino (LTPS) per iPhone 13 mini e iPhone 13. Questi modelli non dovrebbero supportare un’elevata frequenza di aggiornamento e manterranno uno schermo a 60Hz. Il rapporto sottolinea inoltre che la produzione di OLED per la serie iPhone 13 è iniziata un mese prima rispetto allo scorso anno.

Si prevede che Samsung produrrà 80 milioni di unità display per i nuovi iPhone e LG dovrebbe fornire 30 milioni di pannelli. Un precedente leak aveva affermato che anche BOE avrebbe fatto parte della catena di approvvigionamento di iPhone 13, ma il rapporto di oggi non ne fa menzione.