google-stadia-fallimento-progettoGoogle Stadia è stata data per spacciata anzitempo dopo le scoraggianti notizie piovute con l’avvenire del nuovo anno. Nonostante le dicerie la situazione a Mountain View sembra essere decisamente ben diversa da quanto prospettata. Il futuro sembra roseo per una piattaforma gioco che al di là della mancanza di un nome importante come John Justice trova le rassicurazioni di una compagnia che ha intenzione di metterci il massimo impegno con l’inclusione di almeno 100 giochi nuovi entro il 2021. Ecco come stanno veramente le cose.

 

Google Stadia: continua lo sviluppo con la magica resurrezione della piattaforma

La console new-gen è sull’orlo del fallimento? Non sembra essere così dopo le rincuoranti dichiarazioni fatte pervenire niente meno che dalla stessa Google. Nel corso di un’intervista a GamesIndustry.biz la società ha confermato che il co-fondatore di Stadia Dov Zimring ricoprirà la carica lasciata vacante da Justice e che la piattaforma di cloud gaming è tutt’altro che spacciata come lasciato credere dai rumor del periodo.

La compagnia ha infatti affermato che si trova in piena fase di sviluppo e che sarà dato maggiore spazio e maggiori risorse a Stadia Makers per la finalizzazione di nuovi titoli. Ha anche confermato che entro il 2021 arriveranno altri 100 giochi e che è viva e vegeta la collaborazione esterna con sviluppatori del calibro di CapcomEASquare EnixUbisoft.

Nate Ahearn, responsabile del marketing per gli sviluppatori Stadia, ha affermato che BigG non intende derivare l’intero lavoro su Stadia Makers ma ha comunque ammesso che in tal senso vi saranno rilevanti cambiamenti. Cambieranno i rapporti tra Google e gli sviluppatori in luogo dei feedback con il team ufficiale. Gli sforzi si concentreranno in una maggiore coesione e collaborazione.

Il quadro è certamente positivo con Google che guarda ad un lungimirante futuro volto a contrastare le voci negative creatisi in questo travagliato anno. Vedremo se le promesse saranno o meno mantenute.