truffe

Grande ansia per i correntisti delle principali banche italiane. Da alcune settimane, per i clienti di BNL, Unicredit e Intesa Sanpaolo c’è il rischio di incappare in alcuni tentativi di truffe e di phishing da parte di malintenzionati della rete e di cybercriminali.

 

Truffe banche, i rischi per i correntisti di BNL, Unicredit, Intesa

I truffatori hanno oramai un metodo collaudato per le loro azioni, un metodo che si serve prioritariamente di mail e SMS fasulli. Ai correntisti di BNL, Unicredit e Intesa Sanpaolo vengono invitate finte comunicazioni su chiusura del conto o su spese non realmente effettuate con carta di credito o di debito.

L’obiettivo di queste truffe è attirare l’attenzione di chi legge, al fine di invitare le possibili vittime a cliccare su un link in allegato all’SMS o alla mail fake.

Attraverso il link, i malintenzionati riescono ad accedere direttamente alle informazioni riservate dei clienti BNL, Unicredit, Intesa. Le informazioni raccolte saranno poi rivendute per scopi pubblicitari a call center o aziende terze.

Attenzione anche ai servizi a pagamento. Proprio a causa di queste truffe, tanti abbonati di TIM, Vodafone e WindTre nelle precedenti settimane si sono trovate senza credito residuo nel giro di pochi giorni.

Ovviamente il pericolo maggiore per le truffe bancarie è quello relativo ai propri risparmi. In molti casi, i malintenzionati della rete riescono ad entrare in possesso delle credenziali home banking delle vittime. Proprio attraverso questi dati è possibile per loro accedere ai fondi risparmio per prelevare anche ingenti somme di denaro.