bancheRecentemente siamo venuti a conoscenza del fatto che in Italia si stanno affermando delle truffe decisamente subdole, le quali stanno mettendo sempre più in crisi migliaia di correntisti italiani. Queste vengono sfatte molto spesso tramite il sistema di mail phishing, ma in questo caso i malfattori utilizzano con maggiore frequenza i nominativi delle banche italiane più importanti, come Unicredit, Intesa Sanpaolo e BNL.

In tal modo, le mail inoltrate sembreranno più reali, e le vittime aumenteranno vertiginosamente. Ovviamente, è importante tenere in considerazione un fattore molto importante, ossia che c’è sempre qualcosa che ci fa capire che è tutto un qualcosa di fasullo, solo che purtroppo non prestiamo la dovuta attenzione.
Ciò che spinge i malintenzionati a comporre queste mail finte è carpire i dati personali del correntista, così da accedere in maniera molto facile al suo home banking e, successivamente, sottrargli quanto più denaro è possibile. Quindi, il metodo è molto facile ed efficace, essendo che il truffatore spinge il titolare del conto a sbloccare il suo account con un link che gli viene prontamente fornito.

Truffe Unicredit, BNL e Sanpaolo: correntisti colpiti frequentemente

Se proviamo a fare click sul collegamento presente nella mail fasulla, verremo reindirizzato direttamente alla pagina fake della propria banca. Vedremo che in realtà è fake perché è uguale (o simile) a quella della nostra banca, ma in realtà non ne ha nulla a che vedere. Così facendo, le vittime vengono indotte a cliccare sulla mail, mettendo loro alle strette e facendogli inserire tutte le credenziali di cui i truffatori hanno bisogno.

È molto semplice difendersi: è importante prestare più attenzione e diffidare sempre dalle mail dove c’è scritto il nome della vostra banca. Ciò perché è la banca stessa a non inviare mai delle mail per far inserire le vostre credenziali, e semmai questo dovesse accadere, controllate sempre che l’indirizzo sia reale tramite il web.