windows-10-google-falla-sicurezzaIl team di Microsoft sta per introdurre il supporto Auto HDR per i giochi che operano nel contesto della piattaforma Windows 10. Una novità senz’altro gradita ai milioni di giocatori che ogni giorno popolano l’arena del gaming in alta definizione. Scopriamo subito che cosa è stato riservato agli utenti con la build 21337.

 

Windows 10: giochi all’ennesima potenza con il nuovo Auto HDR

Auto HDR è il nome di un componente che estende in maniera significativa la gamma dinamica delle texture nativamente previsti in modalità SDR (Standard Dynamic Range) su sistemi Windows 10. Un algoritmo che migliora la qualità in modo percettibile andando a modificare i colori così come il contrasto, la luminosità ed il livello di dettaglio su display con supporto High Dynamic Range.

Nel corso del mese di Novembre 2020 le console della famiglia Serie S e Series X hanno guadagnato questa funzione che giunge oggi su Personal Computer. Il suo debutto avviene in concomitanza al rilascio della build 21337 che la società di Redmond si sta prodigando a concedere al pubblico.

Al momento disponibile soltanto per gli Insider arriverà per tutti consentendone la sua abilitazione tramite le Impostazioni Schermo. Nella nuova schermata di opzioni sarà sufficiente scegliere Impostazioni di Windows HD Color>Auto HDR.

Il supporto sarà garantito per oltre 1000 giochi Windows 10 con DirectX 11 e 12 così come fatto sapere dalla stessa compagnia che, tra le altre cose, specifica come da qui al rilascio pubblico ci saranno ulteriori ottimizzazioni:

Non è semplice identificare se i giochi sono idonei per Auto HDR. Stiamo lavorando per risolvere questi problemi, ottimizzare le prestazioni e aggiungere altre funzionalità che arricchiranno l’esperienza di gioco. Sebbene Auto HDR richieda un po ‘di potenza di calcolo della GPU per l’implementazione, non ci aspettiamo che abbia un impatto significativo sulle prestazioni”.