BNL, Intesa, Unicredit

I correntisti di BNL, Intesa Sanpaolo Unicredit devono tenere sempre gli occhi ben aperti sulle possibili tentativi di truffe che imperversano in questi giorni. Tanti clienti dei principali istituti stanno ricevendo ad esempio alcuni SMS potenzialmente molto pericolosi.

 

 

BNL, Intesa, Unicredit: la truffa corre veloce con gli SMS

La natura di questi messaggi è simile. La maggior parte delle comunicazioni sono inviate ai correntisti di BNL, Intesa e Unicredit via SMS, anche se non mancano anche testi inviati su WhatsApp. Le comunicazioni sono altresì caratterizzate da toni allarmistici. Gli utenti leggono degli avvisi (ovviamente non veritieri) riguardanti la possibile chiusura dei profili o anche la fatturazione di spese non sostenute nella realtà.

Lo scopo dei malintenzionati che mettono in giro questi messaggi è molto semplice: spingere tutti i potenziali lettori al click su degli appositi link in allegato. Proprio attraverso questi link si palesa il tentativo di phishing da parte dei malintenzionati.

Tra gli obiettivi finali del phishing vi è il futuro di informazioni personali da rivendere per scopi pubblicitari o anche l’attivazione in automatico di servizi a pagamento con ripercussioni dirette sul credito residuo degli profili tariffari TIM, Vodafone e WindTre.

Attenzione però a quella che potrebbe essere l’evenienza di gran lunga maggiore. Tanti correntisti BNL, Intesa e Unicredit rischiano di perdere i loro risparmi proprio attraverso questi SMS.

I malintenzionati, infatti, in alcune circostanze riescono ad impossessarsi delle credenziali home banking dei correntisti BNL, Unicredit, Intesa. La condivisione non voluta dei dati di accesso all’home banking espone naturalmente a possibili furti di credito online.