blankE’ l’analista Mingh-Chi Kuo a rilasciare le ultime indiscrezioni relative al visore per la realtà mista del colosso di Cupertino. In seguito alle informazioni riguardanti le specifiche tecniche di iPhone 13 e il periodo di lancio dei numerosi dispositivi per la realtà virtuale e aumentata di casa Apple, Kuo si espone ritenendo che il visore VR e AR potrà essere gestito tramite il movimento oculare.

Apple pensa a un visore AR e VR da gestire con lo sguardo!

 

Stando alle affermazioni di Kuo, il visore per la realtà mista di Apple sarà capace di percepire il movimento degli occhi e quindi di offrire all’utente la possibilità di eseguire alcune funzioni tramite lo sguardo. L’analista ritiene che grazie all’eye tracking Apple proporrà un dispositivo privo dell’intoppo tipico dei visori che necessitano l’utilizzo manuale da parte dell’utente. Secondo Kuo, Apple procederà anche con l’introduzione del riconoscimento dell’iride così da permettere all’utente di sbloccare il dispositivo non appena indossato.

L’introduzione della tecnologia in questione era stata già ritenuta probabile da indiscrezioni precedenti e sostenuta dalla registrazione da parte del colosso di alcuni brevetti secondo i quali il visore potrebbe consentire l’utilizzo tramite lo sguardo, permettendo all’utente di gestire l’interfaccia attraverso il movimento degli occhi. Inoltre, un brevetto depositato dal colosso nei mesi passati ha permesso di avanzare ipotesi in merito all’arrivo di un guanto che permetterebbe all’utente di controllare il visore con i movimenti delle dita. Queste però sono soltanto alcune delle più che numerose ipotesi avanzate su quelle che saranno le particolarità del visore AR di Apple.

L’arrivo del visore AR di Apple è previsto per il 2022 ma niente di certo è ancora emerso a riguardo. Lo stesso Kuo ha recentemente illustrato quelli che potrebbero essere i programmi del colosso prevedendo l’arrivo di lenti a contatto per la realtà mista entro il 2030.