blank

Gli ordini di vaccini ritardati e l’approvazione da parte dell’UE, insieme a singhiozzi di produzione, significano che le nazioni europee hanno svolto le loro campagne di vaccinazione a un ritmo glaciale. Ma anche le nazioni che sono state in grado di vaccinare un numero relativamente elevato di persone sono preoccupate.

Ulteriori informazioni sul problema dei vaccini

Il Regno Unito ha vaccinato oltre un quarto della sua popolazione e in Inghilterra il ritmo di diffusione della variante B.1.1.7 si è quasi dimezzato a causa del blocco messo in atto dall’inizio di gennaio.

Nella settimana terminata il 6 febbraio, lo 0,8% della popolazione inglese è risultata positiva per la variante britannica, in calo rispetto a quasi l’1,5% alla fine dello scorso anno, secondo un sondaggio dell’Ufficio per le statistiche nazionali del Regno Unito. I funzionari governativi si aspettano che la variante britannica rimanga dominante perché è più trasmissibile di altre varianti importate, inclusa una dal Sud Africa.

Ma le autorità devono rimanere caute perché più persone vengono infettate, maggiore è la probabilità che possano emergere nuove varianti che potrebbero mettere a rischio anche le persone che sono state vaccinate, ha detto lunedì il primo ministro Boris Johnson.

“Nessun programma di vaccinazione è efficace al 100%”, ha detto.

La capacità delle autorità mediche di stimare la prevalenza di nuove mutazioni varia in Europa e diversi paesi utilizzano metodi diversi per valutare i tassi di trasmissione. Eppure non c’è dubbio che queste nuove forme si stiano diffondendo rapidamente ovunque.

Continua a leggere e seguire Tecnoandroid per restare aggiornato su tutte le novità.