PApple, Apple Car, Hyundai, Kia, Tesla, Vettura Elettrica

Le indiscrezioni su Apple Car, il nome non ufficiale con cui è conosciuto Project Titan, si fanno sempre più interessanti. In queste ore infatti è emerso un nuovo brevetto depositato dall’azienda di Cupertino.

Il brevetto descrive il funzionamento di un sistema di assistenza alla guida inedito e altamente avanzato. Sappiamo che la vettura rappresenterà lo stato dell’arte per quanto riguarda la guida autonoma e, per questo, a Cupertino stanno lavorando sodo. Lo scenario principale per utilizzare questa feature è quando la visibilità è bassa a causa di condizioni meteo avverse.

Stando a quanto riportato, Apple Car sarà in grado di leggere i principali segnali stradali in ogni condizione. Non ci saranno limitazioni di nessun tipo e la feature funzionerà che ci sia pioggia fitta, neve, tempeste di sabbia o nebbia.

Apple Car potrà contare su un sistema di aiuto alla guida avanzato

Ma non è tutto, il sistema brevettato dalla Mela permetterà anche di rilevare ostacoli sulla strada come per esempio altre vetture. In questo modo si potranno aiutare gli utenti nella guida e tenerli sempre informati, anche quando la visibilità è scarsa.

Il nuovo brevetto è stato scoperto da PatentlyApple e depositato presso gli uffici US Patent and Trademark Office (USPTO). Il funzionamento di Apple Car si baserà su un sistema composto da radar, videocamere, rilevatori di luce e tecnologia LiDAR.

La combinazione di tutti questi sensori permetterà di evitare falsi positivi o rilevamenti mancati, che quindi potrebbero causare incidenti. Infatti, potrebbe capitare che in caso di nebbia, la luce sia riflessa in modi diversi ed inaspettati. In questo caso, i dati vengono confrontati con quelli degli altri sensori per valutare altri parametri.

Al momento non è possibile sapere a che punto è lo sviluppo della tecnologia. Tuttavia, dato che a Cupertino stanno lavorando allo sviluppo di Apple Car, questo sistema si rivelerà vincente da implementare per la guida autonoma di livello avanzato.

Articolo precedenteRecensione Logitech Streamcam: la webcam per chi punta al massimo
Articolo successivoIntelligenza Artificiale senza confini: cellule cerebrali al microscopio
Alessio Amoruso
Economics & Marketing Student, Tech enthusiast, Star Wars Fan and Blogger