Unicredit, BNL, BMP e SanPaolo: addio improvvisamente al conto corrente

Nel corso delle ultime settimane centinaia e centinaia di correntisti Italiani sono stati colpiti da molteplici truffe il cui obiettivo pare essere quello di svuotare i conti correnti. Secondo quanto segnalato dagli utenti truffati, gli attacchi lanciati da Hacker e Cyber Criminali sembrerebbero sfruttare la classica tecnica delle email Phishing, inoltrate sotto il nome fittizio dei principali istituti bancari Italiani quali Unicredit, Intesa Sanpaolo e BNL. Purtroppo, nonostante queste mail presentino molteplici campanelli d’allarme, la tecnica del Phishing spinge gli utenti meno avvezzi alla tecnologia a credere che queste e-mail fasulle siano in realtà reali.

Ma come funziona quindi questa tecnica truffaldina? Attraverso degli escamotage i criminali del web cercano di carpire i dati di accesso alle piattaforme di Home Banking al fine di impossessarsi del nostro conto corrente. Uno degli escamotage maggiormente utilizzato risulta essere quello del “conto bloccato”. Scopriamo di seguito i dettagli.

Truffe Bancarie: attenzione alle e-mail Phishing

All’interno delle e-mail inoltrate dai criminali, è quindi presente un link che rimanda ad una pagina web simile sotto ogni aspetto alla pagina ufficiale della vostra banca. L’unica differenza sta nel form di accesso. Inserendo le proprie credenziali all’interno del link presente nella mail, queste ultime non verranno utilizzate per “sbloccare” il vostro conto ma, bensì, verranno inoltrate istantaneamente ai truffatori. Cosi facendo, dunque, i Cyber Criminali hanno la possibilità di accedere facilmente al vostro conto e svuotarlo completamente in pochi secondi.

L’unico modo per evitare la truffa è quindi quello di prestare molta attenzione alle email ricevute. Quando si ricevono tali comunicazioni, è di fondamentale importanza verificare se l’email del mittente corrisponda all’email ufficiale della propria banca.