blank

Gli utenti di WhatsApp sono nel bel mezzo di una crisi. A seguito della pubblicazione di una nuova politica sulla privacy, che gli utenti devono accettare per continuare a utilizzare l’app, una parte considerevole dei due miliardi di utenti WhatsApp in tutto il mondo ha deciso di voltare le spalle al software di proprietà di Facebook e cercare alternative.

In effetti, così tanti utenti sono passati alla piattaforma di messaggistica sicura Signal che ha subito un’interruzione globale per un’intera giornata. Un’altra alternativa, Telegram, ha aggiunto 25 milioni di utenti ai suoi ranghi in pochi giorni.

Ma gli utenti di WhatsApp dovrebbero davvero essere preoccupati per la nuova politica sulla privacy?

Contrariamente alla credenza popolare, non significa che i messaggi di testo o le foto di WhatsApp inviati ad amici e familiari saranno visibili su Facebook. Invece, l’informativa sulla privacy ha effetto solo sugli utenti che chattano con account aziendali.

È interessante notare che ciò interesserà solo gli utenti al di fuori dell’Europa poiché le normative dell’UE impediscono che i dati delle chat vengano condivisi in questo modo. WhatsApp, utilizza la crittografia end-to-end per proteggere le conversazioni tra gli utenti da occhi indiscreti, incluso il proprio, utilizzato per addebitare una quota di abbonamento annuale.

Tuttavia, questo modello di business è stato demolito quando Facebook ha acquisito la società per promuovere la crescita (alcuni sono stati scoraggiati dal costo). Ciò ha portato il social network a trovare nuovi modi per monetizzare l’enorme base di utenti, inclusa l’apertura della funzionalità dell’app di chat per consentire alle aziende di raggiungere i propri clienti, piuttosto che fare affidamento su goffe finestre di webchat.

Ma se sei preoccupato per la maggiore condivisione dei dati all’interno di WhatsApp mentre Facebook cerca di monetizzare la vasta base di utenti che si affidano all’app, faresti meglio a eliminare il Messenger di Facebook dal tuo smartphone. Questo perché la condivisione dei dati all’interno di WhatsApp è banale rispetto a Messenger.

Quest’ultimo, che può essere scaricato e utilizzato gratuitamente, proprio come WhatsApp, si basa sulla pubblicità mirata per ripagarsi. Quindi, mentre i messaggi di WhatsApp sono protetti da una crittografia end-to-end, Facebook ammette apertamente di scansionare i testi di Messenger per migliorare gli annunci che ti verranno offerti su Facebook, all’interno di Messenger e attraverso la vasta rete pubblicitaria di Facebook.

Quindi, se stai chattando con un amico su come stai cercando di spostare un po’ di peso questo gennaio, non sorprenderti quando inizi a vedere annunci di frullati proteici, iscrizioni in palestra e pillole dimagranti che riempiono il tuo feed di notizie. Sì, davvero.

Non solo, Facebook scaricherà anche i file inviati tra amici o familiari all’interno di una conversazione di Messenger sui propri server, dove potranno essere analizzati. I link ai siti web inviati nelle conversazioni vengono anche recuperati da Facebook per cercare di saperne di più sui tuoi interessi, gusti e cosa potresti essere persuaso ad acquistare.

Apple ora include un rapporto sulla “Privacy delle app” sul suo App Store per tutti i software, dove mette a nudo esattamente ciò che lo sviluppatore sarà in grado di monitorare e cosa intende fare con quei dati.

Nell’elenco di Messenger, Apple afferma che l’app consente agli inserzionisti di terze parti di tenere traccia della cronologia degli acquisti (ad esempio ciò che hai acquistato da annunci pubblicitari mirati precedenti), le tue “informazioni finanziarie”, posizione precisa, indirizzo fisico, indirizzo email, nome, numero di telefono, contatti, foto e video, “contenuto di gioco”, cronologia delle ricerche, cronologia di navigazione, dati sugli arresti anomali dell’app e dati sulle prestazioni.