Spotify cybercriminali rubano i dati di accesso di 350 mila utentiPare che gli utenti di Spotify Premium dovranno comunque ascoltare gli annunci pubblicitari se utilizzano la piattaforma per i podcast, nonostante il loro abbonamento sia principalmente apprezzato proprio per l’assenza di annunci.

Il servizio di musica in streaming si suddivide in due: gratuito e Premium. Gli utenti senza alcun abbonamento possono ascoltare la musica ma talvolta interrotta da pubblicità. Oltre ad avere limiti sulla riproduzione e la scelta della musica da ascoltare. Gli abbonati al servizio Premium, al contrario, non ricevono “nessuna interruzione pubblicitaria”, secondo il sito web dell’azienda. Questa novità per i podcast, dunque potrebbe non essere affatto gradita.

Il 21 gennaio l’azienda ha annunciato che avrebbe iniziato a testare Spotify Podcast Ads nel Regno Unito, il che significa che gli abbonati Premium che hanno pagato per evitare pubblicità dovranno comunque ascoltare contenuti promozionali. Spotify dichiara che la pubblicità è “una parte integrante del settore dei podcast”.

“Tutti gli utenti Spotify ricevono un’esperienza podcast su richiesta che può includere annunci o sponsorizzazioni. Spotify Premium offre agli utenti un’esperienza senza pubblicità. Offre a tutti gli ascoltatori la possibilità di mettere in pausa, riavvolgere e mandare avanti velocemente qualsiasi parte di un podcast, comprese le pubblicità”. Dunque il problema potrebbe rivelarsi meno grave del previsto. Gli annunci sono disponibili solo sui podcast che Spotify produce, quindi riceverà denaro sia dalle quote di abbonamento che dagli annunci aziendali.

Abbonamento Spotify Premium: annunci pubblicitari inclusi per gli utenti che utilizzano il servizio podcast

Spotify afferma che il 19% dell’ascolto di podcast avviene propria sulla sua piattaforma. Oltre ad avere un ruolo importante anche nel panorama della musica in streaming insieme al servizio Apple Music. Tuttavia, secondo quanto riferito non ha mai registrato un profitto annuale da quando è stato lanciato 12 anni fa.

Spotify non ha spiegato in che modo i mercati potrebbero rivolgersi agli utenti sulla base dei dati raccolti prima della pubblicazione. “I podcast sono intimi, sono affidabili, raggiungono le persone in modo molto diretto e personale”, ha affermato Rak Patel, responsabile delle vendite nel Regno Unito. Recentemente, è stato scoperto che Spotify sta pagando ai podcaster decine di migliaia di dollari per promuovere se stesso, tramite lo strumento di creazione di podcast Anchor, che la società ha acquisito l’anno scorso.

Secondo nove podcaster, il principale inserzionista che utilizza la funzione pubblicitaria di Anchor è Anchor stesso. Tre podcaster hanno affermato di aver guadagnato migliaia da Anchor e Spotify, rispetto alle somme irrisorie di altri inserzionisti, che sono pochi e rari. Altri tre podcaster hanno dichiarato che stavano cercando di lasciare la piattaforma Anchor in assenza di nuovi sponsor. Spotify ha rifiutato di commentare il record raggiunto a The Verge e non ha risposto a una richiesta di ulteriori informazioni.