bonifico truffaUn numero imprecisato di clienti Unicredit e Sanpaolo si è trovato di fronte ad una comunicazione che annuncia la possibilità di accedere ad un bonifico istantaneo sul proprio conto corrente o su una carta di credito collegata al proprio profilo. Un vano momento di felicità per una faccenda la cui credibilità è venuta subito meno dopo le dichiarazioni della Polizia Postale e delle stesse banche che hanno individuato un chiaro tentativo di truffa.

Il fatto non coinvolge a nessun livello le banche che giustamente si sono dichiarate estranee ai fatti. Il messaggio, correlato del solito link sospetto, è stato frutto di un gruppo non meglio identificato di hacker che hanno adottato ancora una volta il metodo del phishing per trarre in inganno la clientela promettendo l’impossibile. Ecco che cosa è successo.

 

Il bonifico è solo un miraggio: ingannati pesantemente molti clienti di banca Unicredit ed Intesa Sanpaolo

Hanno promesso migliaia di euro senza chiedere nulla in cambio a parte alcuni dati preziosi che alcuni hanno concesso spontaneamente senza troppi complimenti. Inconsciamente gli utenti sono stati portati alla compilazione del solito questionario con il metodo del formjacking conclamato dalle autorità per il bonifico fantasma. Si è passati per email ed SMS per poi finire con il click sul link ed il riempimento dei campi richiesti con dati personali e bancari.

Il morale della favola è che tanti clienti sono stati truffati dopo che le banche hanno esortato alla massima cautela contro le frodi telematiche di questo delicato periodo. Non ci si può certo permettere di commettere simili errori. Per non cadere in fallo occorre sempre informarsi bene e prendere contezza del risultato delle indagini della Polizia Postale. Mai aprire un link anche vagamente sospetto o procedere all’inserimento dati. Il risultato è un conto svuotato con grave rischio per i dati sensibili. Eliminare sempre il messaggio ed aprire una segnalazione a chi di dovere.