truffe

Accadono con una certa frequenza le truffe ai danni dei correntisti italiani. Infatti, proprio in questi giorni di vacanza, diversi utenti sono stati intasati da mail fasulle che provenivano da diversi malfattori, i quali si fingono di essere operatori dei gruppi bancari italiani principali. Di fatto, spesso i suddetti si fingono di rappresentare Unicredit, Intesa Sanpaolo o BNL e non solo, sfruttano anche il nome di Poste Italiane e PayPal.

Andando a vedere la situazione più nel dettaglio, vedremo che nel corpo delle mail che ci inviano, è spesso possibile leggere una comunicazione molto allarmante riguardante il nostro conto corrente. Di solito, i malfattori vogliono avvisarci, in maniera completamente falsa, che il nostro conto corrente è prossimo alla chiusura, oppure c’è il blocco di un accredito importante (come può essere lo stipendio mensile, ad esempio)

 

 

Truffe Unicredit, Sanpaolo e BNL: come difendersi da queste mail truffaldine

La tecnica delle mail di cui vi stiamo parlando si chiama phishing, ed è una delle più semplici che può essere messa in atto per gli attacchi informatici. Questo perché non vengono installati dei virus direttamente sul dispositivo, come malware e backdoor, ma la vittima viene convinta semplicemente a fornire le sue credenziali di accesso.

Una delle azioni che viene indicate dalla mail è proprio quella di accedere al proprio conto corrente mediante un link che vi forniranno stesso i malfattori. Successivamente, vi comparirà una schermata con una pagina del tutto uguale a quella della vostra home banking, ma che in realtà è gestita dai truffatori. Dopo che avrete inserito tutto ciò di cui loro hanno bisogno, la truffa si può decretare come completata.

Ovviamente, ci sono dei modi per difendersi: basterà assicurarsi che l’indirizzo mail per esteso del mittente coincida a quello di uno dei contatti ufficiali della banca, oppure, una cosa da fare sempre secondo noi, è diffidare sempre dal cliccare su link sospetti.