truffa TIM

In queste settimane tanti utenti di TIM stanno riscontrando alcune anomalie con il loro credito residuo. Molti clienti, ad esempio, segnalano un credito inferiore rispetto alle attesa nel momento della ricarica. Le osservazioni del pubblico trovano una risposta puntuale in una nuovo servizio attivato in automatico su una serie di profili per la telefonia mobile.

 

TIM, la ragione del credito mancante dopo la ricarica

Da alcuni mesi a questa parte, TIM ha lanciato il suo servizio “Sempre Connesso”. La funzione sempre connessa si applica a tutti quei profili che prevedono pagamento della promozione con il credito residuo, anziché con il metodo della Ricarica Automatica.

Comprendere il meccanismo di Sempre Connesso è davvero semplice. Il servizio entra in azione al momento del rinnovo della ricaricabile, laddove l’utente non abbia credito residuo a sufficienza. In questo caso sono attivate di default consumi senza limiti per le telefonate, gli SMS e la navigazione internet. I consumi illimitati avranno validità per un giorno, ad un prezzo fissato sui 0,90 euro.

Anche dopo le prime 24 ore, Sempre Connesso può essere prorogato per una seconda giornata. Anche in questo caso le soglie senza limiti per telefonate, messaggi ed internet avranno un prezzo di 0,90 euro. In totale, per i due giorni di attività, il nuovo servizio di TIM può comportare una spesa massima di 1,80 euro. 

Il costo sarà decurtato agli utenti alla prima ricarica utile. Da qui quindi le anomalie per il credito residuo che segnalano molti abbonati. Sempre Connesso è attivato di default anche sulle nuove SIM.