Unicredit, BNL e Intesa Sanpaolo: controlli del Fisco sui truffatori

In tutta Italia, ormai, continuano ad aumentare i casi di truffa ai danni dei consumatori che possiedono un conto corrente bancario. Nel corso delle ultime settimane, dunque, sono stati registrati molteplici tentativi di frode ai danni dei correntisti di Intesa Sanpaolo, BNL ed Unicredit, i quali sono tenuti a prestare molta attenzione a possibili SMS fasulli. Scopriamo quindi di seguito cosa sta accadendo.

BNL, Unicredit e SanPaolo: attenzione agli SMS ingannevoli

Di recente sono arrivate in redazione molteplici segnalazioni riguardanti alcuni SMS fittizi che rischiano di arrecare seri danni ai consumatori meno avvezzi alla tecnologia. Gli stessi reparti tecnici di BNL, Unicredit ed Intesa Sanpaolo hanno recentemente lanciato l’allarme al fine di sollecitare tutti i propri clienti. A quanto pare, dunque, gli SMS fasulli sembrerebbero citare un ipotetico cambio di contratto, spingendo l’utenti a cliccare sul link presente nel testo.

La tecnica è quindi la classica del Phishing anche se, in questo caso, è possibile parlare addirittura di Smishing. L’obiettivo dei criminali è quindi quello di carpire i dati di accesso ai conti correnti, attraverso dei messaggi completamente falsi ma che, all’apparenza, possono sembrare del estremamente reali.

Il fine ultimo, però, non è sempre quello appena citato. In alcuni casi, di fatto, i criminali del web sembrerebbero aver sfruttato questa tecnica per attivare dei servizi a pagamento sui numeri telefonici delle vittime. Nonostante possa apparire come un danno decisamente più contenuto rispetto al furto dei dati personali, in realtà anche questa tecnica può arrecare seri danni nei casi in cui il numero telefonico sia connesso direttamente al conto corrente.