Facebook aveva avviato la sperimentazione in India a inizio anno con la speranza di poter estendere a tutto il mondo il sistema di pagamenti tramite WhatsApp nel giro di poco tempo.

Nel mese di febbraio 2020 il test era stato esteso a 10 milioni di persone in tutto il subcontinente poi non se n’è saputo più niente. Ora finalmente abbiamo avuto una risposta ufficiale. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

WhatsApp Pay finalmente ufficiale in India

Probabilmente anche a causa della pandemia il governo indiano ha ufficialmente dato il via libera a WhatsApp Pay solo giovedì, anche se ha imposto un’ulteriore limitazione iniziale a “soli” 20 milioni di account. Da qualche giorno quindi l’applicazione si sta aggiornando per consentire di inviare soldi attraverso il sistema di messaggistica. L’invio di denaro a distanza è sicuramente una funzione benvenuta in un momento in cui il contatto fisico e con i contanti non è consigliato.

A chi riceverà la possibilità di accedere, basterà collegare il proprio conto bancario per poter effettuare pagamenti, inviare denaro o condividere una spesa in maniera sicura. Tutte le operazioni si appoggiano alla piattaforma finanziaria UPI sviluppata dalle maggiori banche del Paese. L’aggiornamento renderà la funzione disponibile in 10 varietà linguistiche sia su Android che su iOS. Una simile operazione è stata lanciata e poi sospesa in Brasile lo scorso giugno, mentre il resto del mondo resta a guardare in attesa di ricevere la funzione.