TIM: come individuare i falsi operatori telefonici in poche semplici mosse

falsi operatori TIM, con le loro malvagie strategie, vanno ad intaccare la reputazione dei venditori affidabili di offerte telefoniche. Di questi ne esistono diversi:

  • Operatori di call center che si spacciano per TIM.
  • Agenti o agenzie che si spacciano per agenti TIM Ufficiali.

È bene dire che per prevenire un problema del genere non si deve MAI effettuare ed accettare alcun contratto telefonicamente.

Il primo campanello d’allarme è il numero. Se non vi sono +39 187 o per i privati o +39 191 per la telefonia business, questo non è ufficiale. Per scoprirlo si può anche controllare su internet o tramite applicazioni che ti dicono subito se il numero è quello di un call center truffaldino oppure affidabile.

 

TIM: i campanelli di allarme

Tra le bugie più frequenti troviamo:

  • Falsi sconti di diversa entità.
  • Falsa comunicazioni che dal prossimo mese ci sarà un aumento dei prezzi.
  • Comunicazione di fatture non pagate. Ovviamente falsa.
  • Ulteriore verifica dei tuoi dati a causa di un errore sul contratto, in cui dovrai rifornire tu tutti i dati sensibili.
  • Nuove offerte, come ad esempio la fibra gratis o altri servizi.
  • Risoluzione dei tuoi problemi telefonici aprendo una segnalazione, mentre ti chiedono i documenti per fare la truffa Tim Smart.

Abbiamo anche scoperto di operatori che mandano messaggi WhatsApp chiedendo le foto dei documenti, per “velocizzare il processo”.

In questo caso la foto profilo ha il logo TIM con descrizioni ingannevoli per derubare più facilmente la vittima. Fai attenzione dunque ad ogni messaggio giunto tramite applicazioni di messaggistica. Tim non utilizza WhatsApp, Telegram o altre app per comunicare con i suoi clienti.