blankSpaceX stravolgerà i Termini di servizio del suo progetto Internet Starlink per avere delle regole tutte sue in vista delle missioni spaziali su Marte. Secondo quanto riferito, la compagnia spaziale di Elon Musk aderirà a una serie di “principi di autogoverno” che saranno definiti al momento dell’insediamento.

Musk ha rivelato che vorrebbe creare una città autosufficiente su Marte la scorsa settimana. Anche se, non c’è ancora una data di scadenza specifica per portare a termine il progetto. Qualsiasi futura colonia creata da SpaceX utilizzerà probabilmente costellazioni di satelliti Starlink in orbita attorno al pianeta per fornire connessione Internet a persone e macchine sulla superficie.

Più di 800 dei satelliti Internet sono già in orbita attorno alla Terra. L’app Starlink è stata lanciata in alcune zone degli USA questa settimana. Ciò segue un beta test di successo delle capacità della rete in alcune parti degli Stati Uniti e del Canada.

Marte non è di nessuno quindi ci saranno regole decise sul momento in piena libertà, questo quanto dichiarato da SpaceX

Gli utenti hanno notato che i termini di servizio all’interno dell’app stabiliscono che i servizi Starlink forniti sulla Terra o sulla Luna saranno regolati in conformità con le leggi dello Stato della California. Al di là del nostro pianeta e del suo satellite, tuttavia, le leggi e le normative a cui si atterrà sono poco chiare.

“Per i servizi forniti su Marte, o in transito su Marte tramite Starship o altri veicoli spaziali, le parti riconoscono Marte come un pianeta libero e nessun governo sulla Terra ha autorità o sovranità”, afferma la legge in vigore. “Di conseguenza, le controversie saranno risolte attraverso principi di autogoverno, stabiliti in buona fede”. L’ingegnere dei sistemi spaziali Erwan Beauvois ritiene che la posizione di SpaceX in merito ricorda una dichiarazione della Earthlight Foundation. Trattasi di un’organizzazione senza scopo di lucro impegnata a preparare l’espansione dell’umanità oltre la Terra.