bollo autoGli automobilisti si dicono soddisfatti per il nuovo accordo che concede il Bollo Gratis per l’uso dell’automobile. Normalmente si procederebbe con interessi di mora e successivi divieti imposti all’uso delle auto per il fermo amministrativo che arriva con le cartelle Equitalia. Ma è arrivato il momento di evitare il pagamento sfruttando la nuova opportunità di avere finalmente la tanto attesa esenzione Bollo Auto. Scopriamo insieme come è possibile ottenerla.

 

Addio Bollo Auto: niente pagamento con le nuove istruzioni regionali

Lo Stato incassa oltre 7 miliardi di euro ogni anno da quella che è ritenuta essere come l’imposta più odiata in assoluto. La tassa di possesso è in vigore in Italia come in pochi altri Paesi del Mondo. Nonostante il voto di sfiducia per l’abolizione unanime ci sono regioni come l’Emilia Romagna in cui il bollo auto può essere gratuito per un lungo periodo di tempo.

Entrando nel dettaglio della questione si scopre che chi immatricola al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) una nuova auto ibrida ottiene la possibilità di sciogliere tutte le spese. Le condizioni si applicano per istanze presentate spontaneamente in fase di prima immatricolazione per vetture il cui onere annuale per l’imposta di bollo non superi i 191 Euro. In tali condizioni il bollo automobilistico è Gratis per un periodo di tre anni.

Vista l’autonomia acquisita di diritto dalle amministrazioni regionali è plausibile attendersi ulteriori sconti altrove con molte Regioni che stanno già concedendo la gratuità dell’imposta per le auto elettriche. Nel frattempo sono in vigore i criteri di uso senza limitazioni con bollo auto momentaneamente prorogato secondo la nuova tabella prospettica indicata a seguire.

  • Lombardia – sospensione 8 marzo – 30 settembre, pagamento limite entro il 31 ottobre 2020.
  • Campania – sospensione 1 giugno – 31 agosto, pagamento limite entro il 30 settembre 2020.
  • Abruzzo, Marche, Calabria, Liguria e Valle D’asta – sospensione fino al 30 giugno, pagamento limite entro il 31 luglio.
  • Piemonte – sospensione fino al 31 maggio 2020, pagamento entro il 15 luglio 2020.
  • Sicilia – sospensione 8 marzo – 2 novembre, pagamento entro il 30 dicembre 2020.
  • Provincia autonoma di Trento – sospensione fino al 31 ottobre 2020, pagamento entro il 30 novembre.
  • Lazio, Toscana, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Provincia autonoma di Bolzano – proroga del pagamento scaduta al 30 giugno 2020.
  • Calabria, Liguria e Valle D’aosta – sospensione fino al 30 giugno, pagamento entro il 31 luglio 2020.
  • Puglia, Umbria, Molise, Basilicata e Sardegna – nessuna proroga al pagamento.