blank

Huawei ha lanciato il suo nuovo smartphone di fascia alta, Mate 40 Pro, ed è stata testata una delle prime unità con la versione 4 del protocollo di test DXOMARK Camera.

Aspetti tecnici e dettagli della fotocamera del nuovo Mate 40 Pro

La configurazione della fotocamera è molto simile alla P40 Pro lanciata all’inizio di quest’anno, ma ci sono alcune sottili differenze. La fotocamera principale del Mate 40 Pro non è dotata di un sistema di stabilizzazione ottica, ma per il resto viene fornita con lo stesso sensore da 1 / 1.28 “e obiettivo con apertura f / 1.9 del modello della serie P. La fotocamera ultragrandangolare mantiene l’obiettivo della P40 Pro con un’apertura f / 1.8 e un campo visivo equivalente di 18 mm, ma ora utilizza un sensore da 20 MP con pixel più grandi invece di 40 MP. Le specifiche della tele-camera 5x rimangono invariate.

Con relativamente poche modifiche rispetto alle specifiche della fotocamera del P40 Pro, è stato curioso vedere se gli ingegneri Huawei fossero stati in grado di aumentare ulteriormente la qualità dell’immagine e le prestazioni della fotocamera sul nuovo modello. Continua a leggere per scoprire se ci sono riusciti e come si è comportato Huawei Mate 40 Pro con la nuovissima versione 4 del protocollo di test DXOMARK Camera.

Specifiche principali della fotocamera:

Configurazione tripla fotocamera
Primario: sensore da 50 MP 1 / 1.28 “(uscita 12 MP), obiettivo con apertura f / 1.9 equivalente a 23 mm (1x definito come 27 mm), pixel pieno Octa-PD
Ultra-grandangolare: sensore da 20 MP 1 / 1,54 “, obiettivo con apertura f / 1,8 equivalente a 18 mm, PDAF
Teleobiettivo: sensore da 12 MP 1 / 3,56 “, obiettivo con apertura f / 3,4 equivalente a 125 mm, PDAF , OIS
Flash LED
Video 4K, 2160p / 60f ps (2160p / 30 fps testato)
Sensore di temperatura colore multispettrale

Mate 40 Pro ha una Gamma dinamica è un punto culminante particolare. Come ci si aspetterebbe da un telefono di punta nel 2020, la fotocamera cattura una buona esposizione del bersaglio anche in condizioni di scarsa illuminazione. Inoltre, il Mate 40 Pro riesce a mantenere un’ampia gamma dinamica attraverso i livelli di luce, anche in condizioni di scarsa illuminazione. In confronto, molti concorrenti sono in grado di registrare buone luci e dettagli in ombra in piena luce, ma faticano a farlo in condizioni di scarsa illuminazione. Ciò rende il nuovo Huawei un’ottima opzione per gli scatti notturni e altri scenari difficili con scarsa illuminazione.

La fotocamera offre anche un ottimo compromesso tra consistenza e rumore, con buoni dettagli e bassi livelli di rumore nelle immagini catturate a tutti i livelli di luce. La nitidezza è ulteriormente aiutata da un accurato sistema di messa a fuoco automatica che si blocca immediatamente durante le riprese con la fotocamera principale.