Bollo auto

Sta per scattare per molti italiani il momento dei pagamenti per il bollo auto. Entro la fine dell’anno e l’inizio del prossimo, tanti cittadini dovranno pagare la tassa di possesso per il proprio veicolo a quattro ruote. Quest’anno, complici anche le nuove normative economiche post pandemia Covid, ci sono alcune novità da segnalare.

 

Bollo auto, chi può evitare di pagare la tassa ed è esentato

Negli scorsi mesi, in dieci regioni (Campania, Calabria, Toscana, Lazio, Marche, Umbria, Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia) è stato promossa la sospensione per i pagamenti del bollo auto. A breve, però, sempre con scelta autonoma regionale, in ognuna di queste regioni sarà di nuovo aperta la finestra per i pagamenti.

La notizia più interessante, che coinvolge un po’ tutti i cittadini in Italia, è quella relativa alle norme per l’esenzione dal versamento della tassa. Il bollo auto potrà essere sospeso per tutti i cittadini invalidi civili o diversamente abili, in base alla legge 104.

Occasioni per un’esenzione ci saranno però anche per gli italiani che risultano possessori di auto a basso o nullo livello di emissioni. Tutti i proprietari di un’auto elettrica così come i proprietari di veicolo ibrido potranno evitare il pagamento del bollo auto. Le vetture, in questione, però dovranno essere immatricolate tra il 2019 ed il 2020.

Ricordiamo che l’esenzione del bollo auto deve essere chiesta ai relativi uffici regionali dell’ACI. Per poter completare la pratica, tutti coloro che sono idonei all’esenzioni dovranno anticipare la richiesta formale entro 90 giorni dal primo giorno utile per i pagamenti della tassa di possesso.