Whatsapp non funziona

Andare contro le norme dettate da WhatsApp mai come in questo periodo può essere davvero controproducente per gli utenti. Con la ripresa in Europa ed in grande parti del pianeta (ad esempio gli USA) della circolazione del Covid, la piattaforma di messaggistica torna ad essere centralissima nella vita delle persone.

Come durante la scorsa primavera molti individui si affideranno a WhatsApp per le loro comunicazioni quotidiane. L’impegno degli sviluppatori è quello di offrire una piazza virtuale per conversazioni sicure e con un rischio al minimo di pericoli per la propria sicurezza online.

 

WhatsApp a muso duro contro i trasgressori: previsto il ban dal servizio

Per fare ciò, in casa WhatsApp si è deciso di optare per la linea dura contro tutti i trasgressori che sino ad ora hanno agito con relativa tranquillità.

Su WhatsApp non saranno più tollerati utenti che si impegnano in maniera costante con la condivisione e la produzione di fake news. Già in queste ore sono ripresi a circolare con veemenza finte comunicazioni inerenti il Covid. Ebbene, il team della chat procederà con il ban del profilo per chi invia messaggi del genere senza supporto scientifico.

Di pari passo, una battaglia dura sarà anche quella contro lo spam ed phishing. In tal caso, oltre al già annunciato blocco dell’account, in casa WhatsApp sono allo studio anche nuove funzioni della stessa chat.

Particolare attenzione infine anche per la condivisione di file infetti tra una conversazione e l’altra. I tecnici chiuderanno i profili anche agli utenti che inviano virus e malware ai contatti della rubrica.