blank

Il Dipartimento di Giustizia ha accusato Google di proteggere illegalmente il suo monopolio sulla ricerca e sulla pubblicità associata alla ricerca, la sfida più significativa del governo al potere di mercato di un’azienda tecnologica e che potrebbe rimodellare il modo in cui i consumatori utilizzano Internet.

Le accuse contro google mettono a rischio l’accordo con Apple

Gli accordi di Google con Apple, operatori di telefonia mobile e altri produttori di telefoni per rendere il suo motore di ricerca l’opzione predefinita per gli utenti rappresentavano la maggior parte della sua quota di mercato dominante nella ricerca, una cifra che ha stimato intorno all’80%.

“Per molti anni”, ha affermato l’agenzia nel suo reclamo di 57 pagine, “Google ha utilizzato tattiche anticoncorrenziali per mantenere ed estendere i suoi monopoli nei mercati dei servizi di ricerca generale, della pubblicità di ricerca e della pubblicità testuale di ricerca generale, le pietre angolari del suo impero”.

La causa, che potrebbe protrarsi per anni, potrebbe innescare una reazione a catena di altre cause legali antitrust da parte dei procuratori generali dello stato. Circa quattro dozzine di stati e giurisdizioni, tra cui New York e Texas, hanno condotto indagini parallele e si prevede che alcuni di loro presentino reclami separati contro la presa della società sulla tecnologia per la pubblicità online. Undici procuratori generali di stato, tutti repubblicani, hanno firmato per sostenere la causa federale.

Il procuratore generale William P. Barr aveva parlato pubblicamente delle indagini per mesi, provocando la resistenza di alcuni dei suoi avvocati che volevano più tempo e si sono lamentati delle motivazioni politiche.

Vacilla quindi, l’accordo tra Google e Apple sul motore di ricerca incorporato nel browser Safari. Una gigantesca fonte di traffico per il gigante del search box. Un patto che potrebbe svanire di fronte alle obiezioni dell’Antitrust e dare un colpo ai fatturati di Google.
L’accordo vale oltre dieci miliardi di dollari, la metà del traffico di Google verrebbe da Apple, il 15-20% dei ricavi di Apple sono frutto dell’accordo con Google.