scandalo auto Ford RenaultTutto era iniziato con Renault e Ford reduci da un pensante scandalo che aveva visto coinvolti almeno 700.000 automobilisti nel contesto delle auto difettose. La storia sembra ripetersi con nuove auto BMW che sono risultate essere assai problematiche per i guidatori. Ecco che cosa sta succedendo alle nuove fuoriclasse della categoria ibride del segmento tedesco.

 

BMW ritira migliaia di auto dopo Renault, Ford, Honda, Toyota e Volvo

Per Renault sono stati i motori guasti mentre per Ford i sensori della batteria potenzialmente responsabili di eventuali incendi dovuti a mancate letture dei dati. Mentre la casa dell’ovale blu ha disposto il rischiamo formale con riparazione gratuita la multinazionale francese ha fatto spallucce e scaricato ogni responsabilità sull’automobilista. Le vetture contrassegnate come “a rischio” per avaria di olio sono le seguenti:

Renault (motore 1.2 TCe 115, 120 e 130 ch)

  • Captur
  • Clio 4
  • Kadjar
  • Kangoo 2
  • Mégane 3
  • Scénic 3
  • Grand Scénic 3

Dacia (motore 1.2 TCe 115 e125 ch)

  • Duster
  • Dokker
  • Lodgy

Mercedes (motore 1.2 115 ch)

  • Citan

Nissan (motore 1.2 DIG-T 115 ch)

  • Juke
  • Qashqai 2
  • Pulsar

Ma come detto anche alle nipponiche non è andata bene per una serie di errori agli airbag che non ne hanno consentito l’attivazione in caso di collisione. Per Volvo, invece, si è trattato come visto delle cinture di sicurezza.

In casa BMW le cose peggiorano a causa di incendio pericolosi che possono divampare in caso di saturazione del livello di carica per 27.600 auto che il costruttore sta ritirando dal mercato per ispezioni ed eventuali sostituzioni. Quelle in questa lista stanno già ricevendo la notifica a partire dalla Germania.

BMW

  • Serie X: X1, X2, X3, X5
  • Serie 2 Active Tourer
  • Serie 3 – 5 – 7
  • i8 Coupé e Roadster
  • Mini Countryman