autobus

Sembra che anche in Italia dal punto di vista del trasporto pubblico sostenibile si stanno apportando dei cambiamenti. Proprio nei giorni in cui l’emergenza sanitaria ha messo ancora più in mostra tutte le crepe di questo settore, arriva l’annuncio ufficiale del protocollo d’intesa siglato da Enel X e Asstra, associazione che riunisce circa 140 aziende per quanto concerne il trasporto pubblico locale. L’obbiettivo comune è quello di ridurre le emissioni delle linee urbane ed extraurbane e provare a migliorare la qualità del servizio.

 

 

Autobus elettrico: la sensibilizzazione dell’Italia verso un mondo più green

Chi ha firmato l’accordo spiega che l’intesa, che avrà un valore biennale, prevede una serie di attività per la promozione della mobilità sostenibile. Questo avverrà attraverso “lo sviluppo di nuovi modelli di business che mireranno ad accelerare la transizione energetica di sistemi di approvvigionamento degli autobus e riescano a garantire un utilizzo maggiormente efficiente dei fondi pubblici messi a disposizione dal Ministero dei Trasporti”.

Non solo questo però, anche perché l’accordo è rivolto anche alla progettazione futura di infrastrutture e colonnine di ricarica di ultima generazione. Ciò porterà alla definizione di soluzioni che riescano a ridurre i consumi delle flotte, costi di manutenzione e rifornimento, oltre che alla creazione di servizi di mobilità maggiormente efficienti.

Augusto Raggi, responsabile Enel X Italia, sottolinea “L’obiettivo della collaborazione con ASSTRA è accelerare la transizione energetica verso il trasporto elettrico pubblico”. Continua dicendo: “potremo aumentare il comfort del trasporto per i cittadini e ridurre i costi di esercizio, con vantaggi per la PA e esternalità positive per le città come il miglioramento della qualità dell’aria e la riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico”.