bonifico rimborso RAIPotendolo evitare non sceglieremo certo di pagare volontariamente il tanto odiato canone RAI. Nonostante la nostra opinione personale non c’è scampo in quanto l’imposta arriva puntuale nella nostra buca delle lettere insieme al conto della componente energia. Tante persone hanno però ricevuto un messaggio che cita la possibilità di ottenere un bonifico di rimborso per tutto ciò che è stato ingiustamente pagato in questi anni. Il messaggio popola la cassetta delle lettere digitali delle email. Attenzione c’è un rischio enorme nel fare click su quel pericoloso link.

 

Rimborso RAI: in arrivo il finto bonifico che restituisce i soldi spesi

Non esiste la possibilità di ricevere un bonifico RAI per ciò che è stato speso per sostenere l’abbonamento televisivo. Si tratta di un chiaro tentativo di phishing che nulla ha a che vedere con la ben nota società di servizi radiotelevisivi.

Si riceve semplicemente una mail che stampa sul nostro volto un sorriso a 32 denti ma che si rivela essere letale. L’informativa cita la possibilità di avere la restituzione del denaro sotto forma di accredito. Basta semplicemente includere i propri dati personali all’interno del questionario e comunicare gli estremi bancari segreti che non dovrebbero mai diventare di pubblico dominio.

Conclusa questa fase tutti i nostri dati sensibili sono concessi agli hacker che li usano e li rivendono nel mercato nero digitale con il nostro tacito assenso. Lo ripetiamo: nessun bonifico. Ciò che bisogna fare, invece, è contattare il supporto tecnico RAI per avere ulteriori informazioni e fare una segnalazione alle autorità competenti della Polizia Postale per notificare la campagna fraudolenta. Sia in caso di email che di SMS occorre inserire il mittente in Black List avendo cura di non inoltrare il messaggio ad ulteriori contatti.